Del moderno teatro comico italiano, e del suo restauratore Carlo Goldoni: ragionamenti recitati nelle adunanze degli Arcadi

Copertina anteriore
A spese Remondini di Venezia, 1794 - 127 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 125 - Caldani ec. non vi esser cosa alcuna contro la Santa Fede Cattolica, e parimente per Attestato del Segretario Nostro , niente contro Principi , e Buoni Costumi , concediamo Licenza ad Antonio Zatta Stampator di Venezia che possa essere stampato , osservando gli ordini in materia di Stampe , e presentando le solite Copie alle pubbliche Librerie di Venezia, e di Padova. Dat. li ìf>. Aprile ( Andre* Qucrini Rif. ( Pietro Bnrbnrigo Rif. ( francese
Pagina 125 - NOI RIFORMATORI Dello Studio di Padova . .VENDO veduto per la fede di revisione, ed approvazione del PF Gio.
Pagina 111 - Basta che il vizio sia smascherato , che l'uomo difettoso non tragga comodo dai proprj difetti, che il suo aspetto non sia seducente , e lusinghiero, ma ridicolo e sprezzabile, ed il fine utile della commedia è ottenuto.
Pagina 69 - Latina, esaminate le imitazioni j che nella buona età ne fecero i nostri Italiani, e adattate le une, e le altre al nostro costume, trovasse poi originalmente i fonti del ridicolo nella varietà della natura.
Pagina 62 - ... e per così dire le riguardiamo come un quadro Cinese, in cui pare inutile pena l...
Pagina 24 - ... allora fioriva , ed era sì bene accolta ; confessare bisogna, che veramente in quel secolo furono cercati sovente i fonti della piacevolezza, e del riso fra le sozzure dell
Pagina 61 - ... nella. più acconcia maniera del difetto, cui vuoi far guerra, Esaminiamo il nostro cuore, e vedremo, che inclinati ad adulare noi stessi, cerchiamo .sempre di chiudere l'ingresso ai rimorsi , che potriano agitarci, e di torcere il volto daldallo specchio, in cui possiamo vederci deformi . Quindi appena un...
Pagina 96 - Goldoni però imitando il pittore, che non ha sulla tavolozza, che poche primitive tinte, ma dalla mescolanza di quelle ne compone una serie innumerabile di altre tutte fra loro diverse, osservò avvedutamente , che lo stesso vizio, o di r etto si esterna coa apparenze diverse secondo il temperamento, il grado , le circostanze della persona, che n...
Pagina 114 - H z l'eiel'eleganza della lingua, troveremo ben compensato il danno dai suoi meriti nelle altre parti. L...
Pagina 76 - Nulla di men che buono potea produrre la penna del Marchese Maffei, onde i suoi saggi teatraR, benchè limitati a due sole commedie, fecero vedere , che anche quella poetica provincia non gli e...

Informazioni bibliografiche