Le antichità de' Sicoli, primi e vetustissimi abitatori del Lazio e della provincia dell' Aquila

Copertina anteriore
Dalla tipografia Rietelliana, 1830 - 284 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 286 - Si permette che la suindicata opera si stampi; però non si pubblichi senza un secondo permesso, che non si darà, se prima lo stesso Regio Revisore non avrà attestato di aver riconosciuto nel confronto essere la impressione uniforme all'originale approvato.
Pagina 269 - summe deum, sancti custos Soractis Apollo, quem primi colimus, cui pineus ardor acervo pascitur, et medium freti pietate per ignem cultores multa premimus vestigia pruna, da, pater, hoc nostris aboleri dedecus armis, omnipotens. non exuvias, pulsaeve tropaeum 790 virginis, aut spolia ulla peto ; mihi cetera laudem facta ferent ; haec dira meo dum vulnere pestis pulsa cadat, patrias remeabo inglorius urbes.
Pagina 210 - Quirine diique omnes cselestes, vosque 10 terrestres, vosque inferni audite ; ego vos testor, populum illum" — quicumque est, nominat — "injustum esse neque jus persolvere. Sed de istis rebus in patria majores natu consulemus, quo pacto jus nostrum adipiscamur.
Pagina 16 - Palaepolis fuit haud procul inde, ubi nunc Neapolis sita est: duabus urbibus populus idem habitabat. Cumis erant oriundi...
Pagina 30 - Solus quippe Og rex Basan restiterat de stirpe gigantum. Monstratur lectus ejus ferreus, qui est in Rabbath filiorum Ammon, novem cubitos habens longitudinis, et quatuor latitudinis ad mensuram cubiti virilis manus", also heisst es Deuteron.
Pagina 129 - Ne ammirammo di fatti i più super-. bi vestigli nell' imboccare al fosso chiamato deite due sorelle •> i residui de* ponti prima di giungere al Borgo Colle Fegato nel fosso dello Spedale , ed ali* ingresso de...

Informazioni bibliografiche