Opere scelte: v. 1. Adorno di sei vignette e del ritratto dell' autore

Copertina anteriore
D. Passigli, 1832 - 500 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 401 - ... non aver pietà. Te collocò la provida sventura in fra gli oppressi: muori compianta e placida; scendi a dormir con essi: alle incolpate ceneri nessuno insulterà.
Pagina 487 - Sparso per ogni lido, Volgi lo sguardo a Solima, Odi quel santo grido : Stanca del vile ossequio, La terra a LUI ritorni : E voi che aprite i giorni Di più felice età, Spose...
Pagina 486 - I! promesso Vincitor. Ai mirabili Veggenti, Che narrarono il futuro, Come il padre ai figli intenti Narra i casi che già furo, Si mostrò quel sommo Sole...
Pagina 393 - Il forte si mesce col vinto nemico; col novo signore" rimane l'antico; l'un popolo e l'altro sul collo vi sta. Dividono" i servi, dividon gli armenti; si posano insieme sui campi cruenti" d'un volgo disperso che nome non ha.
Pagina 394 - D'odio in terra non lascia, e di quel tanto Ch'ella sofferse, Iddio scongiura, e spera Ch'egli a nessun conto ne chieda, poi Che dalle mani sue tutto ella prese.
Pagina 5 - QUEL ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni ea golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli...
Pagina 384 - Incerto pur del cammino io già, di valle in valle trapassando mai sempre; o se talvolta d'accessibil pendio sorgermi innanzi vedeva un giogo, e n'attingea la cima, altre più eccelse cime, innanzi, intorno sovrastavanmi ancora; altre, di neve da sommo ad imo biancheggianti, e quasi ripidi, acuti padiglioni, al suolo confitti; altre, ferrigne, erette a guisa di mura insuperabili.
Pagina 404 - Deh! noi pianger: mei credi. Allor che a questa Ora tu stesso appresserai, giocondi Si schiereranno al tuo pensier dinanzi Gli anni in cui re non sarai stato, in cui Né una lagrima pur notata in ciclo Fia contra te, né il nome tuo saravvi Con l'imprecar de
Pagina 383 - Francia; ma via non havvi; e mille son que' monti, e tutti erti, nudi, tremendi, inabitati, se non da spirti, ed uom mortal giammai non li varcò. — Le vie di Dio son molte, più assai di quelle del mortal, risposi; e Dio mi manda. — E Dio ti scorga, ei disse : indi, tra i pani che teneva in serbo...
Pagina 486 - Santi; immagine Della città superna; Del Sangue incorruttibile Conservatrice eterna , Tu che, da tanti secoli, Soffri, combatti e preghi Che le tue tende spieghi Dall'uno all'altro mar; Campo di quei che sperano ; Chiesa del Dio vivente ; Dov...

Informazioni bibliografiche