Viaggi di Pietro della Valle: il pellegrino, Volume 2

Copertina anteriore
G. Gancia, 1843
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 670 - AinK , così detta dal nome di un brahmano principale in quel vicinato, che cosi si chiama. Seppi dalle genti vicine, e dalla propria sua casa, che non doveva ancor morire per alcuni giorni; però vidi la donna in un cortile assisa con persone appresso, che suonavano tamburi, ed ella vestita tutta di bianco, con molte maniglie, braccialetti ed altri ornamenti d'oro, col capo tutto pieno di fiori, de...
Pagina 670 - India alcune donne che amavan tanto i loro mariti che, quando morivano, esse ancora volevano morire con loro, e che ora avendo io avuto nuova di quella donna, ch'era una di queste, era venuto a vederla per contar nella mia terra d'aver veduto una tal cosa con gli occhi proprii. Ebbero gusto quelle genti della mia venuta, ed ella stessa, ché il tutto vidi, si levò da sedere donde stava, e venne in persona a parlarmi; onde ragionammo insieme tutti in piedi buona pezza. Mi disse...
Pagina 311 - Maani nel più bel fiore in età di ventitré anni, la sua breve vita; e '1 suo morir non fu altro che, senza alcuno affanno, senza alcuna sorte di turbamento o di moto, che né pur desse segno di agonia, un breve e facilissimo sospiro; con che, tenendo me per mano e gli occhi a me rivolti con faccia e bocca ridente, rese l'anima a Dio.
Pagina 937 - ... uomo alla spagnuola, porta la spada e ben cinta, e cosi anche la vita, ma la testa bassetta alquanto, e come un poco aggobbatella, piuttosto da soldato stentato, che da cortigiano che vada sull'amorosa vita. Alla mano solo si pu6 conoscere esser donna, che Fha pienotta e carnosa, se bene robusta e forte, e la muove ancora donnescamente alquanto".
Pagina 253 - Pur in fatti son mi especulazioni con niente di certezza, e può esser cho sia altrimenti. Notai di più che tutti i caratteri di questa scrittura son composti delle medesime figure piramidali, e di quelle altre più sottili angolari, variamente disposte fra di loro, facendosi differenti i caratteri un dall'altro, solo nel numero e nella disposizione delle già dette figure.
Pagina 311 - ... la signora Maani nel più. bel fiore, in età di ventitré anni, la sua breve vita; ed il suo morir non fu altro che, senza alcuno affanno, senza alcuna sorta di turbamento, di moto, che neppur desse segno di agonia, un breve e facilissimo sospiro; con elio tenendo me per ninno, e gli occhi a me rivolti, con faccia e bocca ridente rese l'anima a Dio.
Pagina 471 - Persia, feci menzione. E mi dicono che, in certo tempo dell'anno, le genti di Hormuz non potrebbero vivere, se non vi stessero qualche ora del giorno immersi fin alla gola nell'acqua, che a questo fine, in tutte le case, tengono in alcune vasche fatte a posta ; e fin i più stretti religiosi eran forzati a farlo.
Pagina 219 - Ispahan con un astrolabio, portato d'India, ed a me donato poco tempo dianzi dal padre fra Paolo Maria Cittadini, mio grande amico, quando di qua partì. Strumento caro a me per certo, che d'ora innanzi in ogni luogo mi servirà a far la stessa operazione: che se l'avessi avuto per l'addietro, di tutti i luoghi che ho veduti avrei similmente presa l'altezza del polo, con grande utile e de...
Pagina 252 - E queste iscrizioni in che lingua e lettera siano, non si sa, perché é carattere oggi ignoto. lo solo potei notare che é carattere molto grande, che occupa gran luogo, e che i caratteri non son congiunti un coll'altro nelle parole, ma divisi e distinti, ciascun da sé solo, come i caratteri ebrei, se pur quello che io giudicava un solo carattere non fosse stato a sorte una intera parola, il che neanche si può comprendere. O parole o soli caratteri che siano, al meglio che io potei ne copiai tra...
Pagina 540 - ... di quel suono che l'usiamo noi innanzi alle due vocali e ed i. Fra gli altri libri, ci mostrò quello della lor setta, nel quale benché fosse legato per il lungo, come é solito de'libri, i versi nondimeno erano scritti per traverso nella carta, a foggia di certi nostri libri di musica.

Informazioni bibliografiche