I promessi sposi: storia milanese del secolo XVII, Volume 1

Copertina anteriore
Dalla Tipografia di G. P. Pozzolini, 1827 - 398 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 1 - Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni ea golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli...
Pagina 48 - I provocatori, i soverchiatori, tutti coloro che, in qualunque modo, fanno torto altrui, sono rei, non solo del male che commettono, ma del pervertimento ancora a cui portano gli animi degli offesi. Renzo era un giovine pacifico e alieno dal sangue, un giovine schietto e nemico d'ogni insidia; ma, in que...
Pagina 222 - ... gli occhi addosso, da gran tempo, e che comprerÓ, tornando ricco a' suoi monti. Ma chi non aveva mai spinto al di lÓ di quelli...
Pagina 197 - Era il pi¨ bel chiaro di luna; l'ombra della chiesa , e pi¨ in fuori l'ombra lunga ed acuta del campanile, si stendeva bruna e spiccata sul piano erboso e lucente della piazza : ogni oggetto si poteva distinguere, quasi come di giorno.
Pagina x - ... quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto, eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti. E, ali 'Decorrenza, citeremo alcuna di quelle testimonianze, per procacciar fede alle cose, alle quali, per la loro stranezza, il lettore sarebbe pi¨ tentato di negarla. Ma, rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore, che dicitura vi abbiam noi sostituita? Qui sta il punto.
Pagina 222 - Addio, casa natia, dove, sedendo, con un pensiero occulto, s'impar˛ a distinguere dal rumore de' passi comuni il rumore d'un passo aspettato con un misterioso timore. Addio, casa ancora straniera, casa sogguardata tante volte alla sfuggita, passando, e non senza rossore; nella quale la mente si figurava un soggiorno tranquillo e perpetuo di sposa. Addio, chiesa, dove l'animo torn˛ tante volte sereno, cantando le lodi del Signore...
Pagina 286 - ... di dappocaggine, altri di tirannia e di perfidia; e si rodeva. Idolatrava insieme e piangeva la sua bellezza, deplorava una giovent¨ destinata a struggersi in un lento martirio, e invidiava, in certi momenti, qualunque donna, in qualunque condizione, con qualunque coscienza, potesse liberamente godersi nel mondo que
Pagina 219 - Certo, il cuore, chi gli da retta, ha sempre qualche cosa da dire su quello che sarÓ. Ma che sa il cuore ? Appena un poco di quello che Ŕ giÓ accaduto.
Pagina 83 - La barba bianca e lunga, che gli copriva le guance e il mento, faceva ancor pi¨ risaltare le forme rilevate della parte superiore del volto, alle quali un'astinenza, giÓ da gran pezzo abituale, aveva assai pi¨ aggiunto di gravita che tolto d'espressione. Due occhi incavati eran per lo pi¨ chinati a terra, ma talvolta sfolgoravano, con vivacitÓ repentina...
Pagina 83 - Due occhi incavati eran per lo pi¨ chinati a terra, ma talvolta sfolgoravano, con vivacitÓ repentina; come due cavalli bizzarri, condotti a mano da un cocchiere, col quale sanno, per esperienza, che non si pu˛ vincerla, pure fanno, di tempo in tempo, qualche sgambetto, che scontan subito, con una buona tirata di morso.

Informazioni bibliografiche