La comedia di Dante Allighieri

Copertina anteriore
Stab. tip. di G. Cioffi, 1839 - 744 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 417 - segno che parlar mi face Falto avea prima , e poi era fatturo, Per lo regno mortal ch' a lui soggiace, 29 Diventa in apparenza poco e scuro Se in mano al terzo Cesare si mira Con occhio chiaro e con affetto puro. 30 Che la viva
Pagina 84 - non mi si partía d'innanzi al volto, Anz' impediva tanto il mió cammino. Ch' i' fui per ritornar più volte volto. 8 E come quei che con lena affannata Uscito fuor del pelago alla riva, Si volge all
Pagina 54 - si tolso a me e diessi altrui. Quando di carne a spirto era salita, E bellezza e virtú cresciuta m'era, Fu' io a lui men cara e men gradita. E volsc i passi suoi per via non vera, Imagini di ben
Pagina 377 - che le stelle son compagne ; 38 Ma per larghezza di grazie divine , Che si alti vapori hanno a lor piova Che nostre viste là non van vicine , 39 Questi fu tal nella sua vita nuova Virtiialmente , ch' ogni abito destro fréquent trabibut.—Dosso.
Pagina 309 - dimanda se quinci si va sue. 11 Ed io: o creatura che ti mondi Per tornar bella a Colui che ti fece, Maraviglia udirai se mi secondi, 12 Г ti seguiterô quanto mi lece, Rispóse: e se veder fummo non lascia, L
Pagina 309 - 24 Se cosí fosse, in voi fora distrutto Libero arbitrio, e non fora giustizia Per ben letizia e per male aver lutto. 25 Lo cielo i vostri movimenti inizia : Non dico tutti; ma, posto ch'io '1 dica,
Pagina 224 - Levati quinci, e non mi dar più lagna . Che mai sai lusingar per questa lama. 33 Allor lo presi per la cuticagna , E dissi : e' converrà che tu ti nomi, O che capel qui su non ti rimagna. 34 Ond'egli a me: perché tu mi
Pagina 478 - 7 Udir mi parve un mormorar di fiume Che scende chiaro giù di pietra in pietra Mostrando Г ubertà del suo cacume. 8 E come suono al eolio della cetra Prende sua forma, e si come al pertugio Della sampogna vento che penetra;
Pagina 380 - 12 Piangendo dissi : le presentí cose Col falso lor piacer volser miei passi Tostó che '1 vostro viso si nascose. 13 Ed ella : se tacessi o se negassi Ció che confessi, non fora men nota La colpa tua : da tal giudice sássi.
Pagina 99 - Giugnemmo in prato di fresca verdura. 38 Genti v' eran con occhi tardi e gravi, Di grande autorità ne' lor sembianti ; Parlavan rado con voci soavi. 39 Traemmoci cosí dall'un de'canti In luogo aporto, luminoso, e alto, SI che veder si poten tutti quanti.

Informazioni bibliografiche