Senza alibi: Perché il capitalismo italiano non cresce più

Copertina anteriore
Marsilio - 247 pagine
La prima Repubblica era finita con una tempesta perfetta: crisi economica, crisi politica, trasformazione radicale del sistema dei partiti. La seconda Repubblica si è aperta con un carico di speranze e, in particolare nel suo primo decennio, non è stata avara di riforme importanti: lavoro, privatizzazioni, banche, pensioni, liberalizzazioni. Cosa è andato storto, allora? Analizzando le sfere fondamentali da cui dipende il modello di capitalismo italiano e la loro interazione con le dinamiche politiche della seconda Repubblica, Simoni mostra come l'assenza di un compromesso organico, fondato su istituzioni coerenti, sia alla radice del declino economico. L'Italia non è un caso eccezionale se non nella misura in cui guardando a quanto avviene da noi si scorgono con maggior chiarezza fenomeni comuni al resto d'Europa. Le dinamiche che hanno prodotto la crisi possono essere lette e comprese con gli strumenti in nostro possesso e, soprattutto, il Paese è riformabile. Smentire i tono apocalittici e parlare delle vere cause è l'unico modo per iniziare a «uscire dalla pentola».

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2012)

Marco Simoni (1974), economista e politologo, insegna alla London School of Economics. Esperto di capitalismo comparato e relazioni industriali, è membro del board del think tank ItaliaFutura, per il quale si occupa di temi di politica economica. È editorialista dell’«Unità» dal 2008 e autore de Il Post.

Informazioni bibliografiche