Opere di Giulio Cesare Cortese

Copertina anteriore
Presso Giuseppe Maria Porcelli, 1783
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 215 - Vien poi Tancredi, e non è alcun fra tanti, Tranne Rinaldo, o feritor maggiore, O più bel di maniere e di sembianti, O più eccelso ed intrepido di core. S
Pagina 170 - ... sensi i suoi dolori, e l'ali dispiegò sovra lei placide e chete; né però cessa Amor con varie forme la sua pace turbar mentre ella dorme. Non si destò fin che garrir gli augelli non sentì lieti e salutar gli albori, e mormorar il fiume e gli arboscelli, e con l'onda scherzar l'aura e co i fiori. Apre i languidi lumi e guarda quelli alberghi solitari de' pastori, e parie voce udir tra l'acqua ei rami ch'ai sospiri ed al pianto la richiami.
Pagina 237 - Latinam linguam non modo non inopem, ut vulgo putarent, sed locupletiorem etiam esse quam Graecam.
Pagina 95 - Signor, far mi convien come fa il buono sonator sopra il suo instrumento arguto, che spesso muta corda, e varia suono, ricercando ora il grave, ora l'acuto.
Pagina 145 - E nò schitto de farence abballare Ciento cascarde a tiempo de lo suono ", Ma na farza perzì farraggio fare , Na mpertecata da no mastro buono , Forze d...
Pagina 76 - n terra, e po' tu pigliateli;!: ma lassamella 'nnanze Governare, ca piglia friddo, po', la pacionella ». Cossi pigliaie lo filo pe legare lo vellicolo, e po' la forfecella, e legato che Tappe lo tagliaie quanto parette ad essa ch'abbastaie. E de lo sango che sghizzato n'era le tegnette la facce, azzò che fosse la ninna po' cchiù rossolella 'n cera: perzò ne vide certe accossi rosse.
Pagina 68 - ... gridano nmierzo chillo che cova , e le diceno vienela viene ? Allora chillo che cova se parte da lo luoco addove steva , e bà cercanno chille che stanno accovate : e s' abbene che nne trova quarcuno , subbeto i' abbraccia stritto , e dice auciello , auciello ; e tanno chillo ch...
Pagina 199 - Dirò d' Orlando in un medesmo tratto Cosa non detta in prosa mai, né in rima ; Che per amor venne in furore e matto, D...
Pagina 189 - Le donne antique hanno mirabil cose fatto ne l'arme e ne le sacre muse; e di lor opre belle e gloriose gran lume in tutto il mondo si diffuse. Arpalice e Camilla son famose, perché in battaglia erano esperte et use; Safo e Corinna, perché furon dotte, splendono illustri, e mai non veggon notte.
Pagina 77 - Che commo palla la pallotti'aro. 9 Ora mo la mammana vertolosa Redenno se 'nzeccaie co la figliata E disse: "Non me stare regnolosa, Ca cchiù fatica è fare na colata".

Informazioni bibliografiche