La solitudine dei numeri primi

Copertina anteriore
Edizioni Mondadori, 7 ott 2010 - 312 pagine
33 Recensioni
Alice ha sette anni e odia la scuola di sci, ma suo padre la obbliga ad andarci. È una mattina di nebbia fitta, lei ha freddo e il latte della colazione le pesa sullo stomaco. In cima alla seggiovia si separa dai compagni e, nascosta nella nebbia, se la fa addosso. Per la vergogna decide di scendere a valle da sola, ma finisce fuori pista, spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canalone innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno.
Mattia è un ragazzino intelligente con una gemella ritardata, Michela. La presenza costante della sorella umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei. Per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia decide di lasciare Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei.
Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e di Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze, così profondamente segnate, si incroceranno e i due protagonisti si scopriranno strettamente uniti eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano primi gemelli: due numeri primi separati da un solo numero pari, vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero.
Questo romanzo è la storia dolorosa e commovente di Alice e di Mattia, e dei personaggi che li affiancano nel loro percorso. Paolo Giordano tocca con sguardo lucido e profondo, con una scrittura di sorprendente fermezza e maturità, una materia che brucia per le sue implicazioni emotive. E regala ai lettori un romanzo capace di scuotere per come alterna momenti di durezza e di spietata tensione a scene più rarefatte e di trattenuta emozione, piene di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Valutazioni degli utenti

5 stelle
19
4 stelle
3
3 stelle
3
2 stelle
2
1 stella
6

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Per gli amanti del genere un libro che ti lascia col fiato sospeso in ogni sua parte, scritto in modo facile e comprensibile. Paolo Giordano scrive in un italiano perfetto senza troppi giri di parole e la sua scrittura non troppo formale aumenta il piacere nel leggere questo libro già di per se accattivante nella sua trama.  

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Il finale perplesso
Una storia reale e intensa! Il finale pensavo fosse migliore ma ti spinge a una bella riflessione anche se a me ha lasciato più come un vuoto dentro.

Tutte le 7 recensioni »

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 26
Sezione 27
Sezione 28
Sezione 29
Sezione 30
Sezione 31
Sezione 32
Sezione 33

Sezione 9
Sezione 10
Sezione 11
Sezione 12
Sezione 13
Sezione 14
Sezione 15
Sezione 16
Sezione 17
Sezione 18
Sezione 19
Sezione 20
Sezione 21
Sezione 22
Sezione 23
Sezione 24
Sezione 25
Sezione 34
Sezione 35
Sezione 36
Sezione 37
Sezione 38
Sezione 39
Sezione 40
Sezione 41
Sezione 42
Sezione 43
Sezione 44
Sezione 45
Sezione 46
Sezione 47
Sezione 48
Sezione 49

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche