Apologia del libro intitolato Il gesuita moderno: con alcune considerazioni intorno al Risorgimento Italiano. Parte prima

Copertina anteriore
Dalla stemperia Italiana, 1848 - 416 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Sommario

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 127 - Gesù Cristo fu il primo che distintamente additò agli uomini quel lodatore e precettore di tutte le virtù finte, detrattore e persecutore di tutte le vere; quell'avversario d'ogni grandezza intrinseca e veramente propria dell'uomo; derisore d'ogni sentimento alto, se non lo crede falso, d'ogni affetto dolce, se lo crede intimo; quello schiavo dei forti, tiranno dei deboli, odiatore degl...
Pagina 70 - E come la osservanza del culto divino è cagione della grandezza delle repubbliche , così il dispregio di quello è cagione della rovina di esse. Perché dove manca il timore di Dio, conviene che o quel regno rovini, o che sia sostenuto dal timore d' un principe che supplisca a
Pagina 94 - Avea piacevol viso, abito onesto, un umil volger d'occhi, un andar grave, un parlar sì benigno e sì modesto, che parea Gabriel che dicesse: Ave. Era brutta e deforme in tutto il resto: ma nascondea queste fattezze prave con lungo abito e largo; e sotto quello, attosicato avea sempre il coltello.
Pagina xxxi - ... ridesta. Come voi, fummo nel 1815 dati, senza consenso nostro a un altro Stato d'Italia col quale pur troppo i ricordi del passato aspreggiavano le contese e dal quale pur troppo, come avviene sempre in ogni unione non liberamente scelta, ma decretata dall' arbitrio straniero, avemmo per molti anni più danni assai che vantaggi.
Pagina 71 - ... non hanno più alcuna cosa a convenire meco? Di che gli ho io a fare vergognare, che sono nati e allevati sanza vergogna? Perché mi hanno eglino ad osservare, che non mi conoscono? Per quale Iddio o per quali santi gli ho io a fare giurare? Per quei ch'egli adorano, o per quei che bestemmiano? Che ne adorino non so io alcuno; ma so bene che li bestemmiano tutti.
Pagina 168 - ... courage de le dire, sans subterfuge et sans détour : l'éducation ne peut être solidement régénérée et épurée que par les congrégations religieuses. Il est juste d'assigner entre elles un rang élevé à ces Jésuites qui ont sauvé la foi dans la plupart des pays catholiques au...
Pagina 261 - ... è anzi la guardia e il preservativo. Oltre che la lega italiana ( per non dire tutti gli stati cattolici) avrà i! braccio abbastanza forte da poter guarentire e tutelare lo scettro pontificale '; essendo interesse universale della cattolicità che il papa sia affatto libero e sciolto da ogni estrinseca influenza nell'esercizio della religione, e che quindi egli abbia la signoria suprema del territorio in cui risiede, se tal condizione è richiesta al detto esercizio. Ma lasciando questo in...
Pagina 169 - ... l'enseignement ses membres n'obtinssent des succès analogues à ces prodiges d'éloquence qui, du haut de la chaire chrétienne, ont été éveiller les jalouses fureurs des prédicateurs du Collège de France. Aussi la loi qui, sous prétexte de pourvoir à l'instruction secondaire, consacrerait l'exclusion de cet ordre du sein d'un pays catholique , ne serait qu'une sanction imprimée à la tyrannie de l'incrédulité. Tant qu'elle serait maintenue on verrait toujours, comme aujourd'hui, un...
Pagina xxxi - Avete insegnato all'Italia la potenza del volere; insegnatele la santità dell'amore, insegnatele la religione dell'unità, che sola può ridarle gloria, missione e iniziativa, per la terza volta in Europa. « Io non sono napoletano. Nacqui in Genova, città grande anch'essa una volta per vita propria, libera, indipendente : grande per aver dato, nel 1746, all'Italia sopita l'ultimo esempio di virtù cittadina, come voi avete or dato il primo all'Italia ridesta.
Pagina 284 - ... molti altri popoli al predominio del particolarismo, pel lungo disuso del costume civile, le divisioni anticate, radicate, quasi passate in natura, e la stessa conformazione geografica della penisola. Il perché meglio ci conviene, almeno al dì d'oggi, l'unione federativa, che un'altra sorta di unità più perfetta e un maggiore incentramento. La Sicilia ci porge un vivo esempio di tale tendenza : tanto più risentita e gagliarda, quanto che nelle isole l'impronta individua è più scolpita,...

Informazioni bibliografiche