Oltre l'homo œconomicus: lineamenti di etica economica

Copertina anteriore
Orthotes, 1 dic 2013 - 157 pagine
Molti economisti ritengono che l’economia sia una “zona franca” dal punto di vista etico, oppure che essa, pur sollevando questioni eticamente rilevanti, dovrebbe tenerle al di fuori del proprio ambito di indagine. Il volume intende confutare questa posizione, argomentando la natura comune di etica ed economia e mostrando non solo la fecondità, ma anche la necessità del loro rapporto. A tal fine viene intrapresa una serrata critica dei concetti portanti della teoria economica mainstream e del modello antropologico alla sua base, quello dell'homo oeconomicus, del quale viene mostrato il forte riduzionismo. Per andare oltre l'homo oeconomicus, l'autrice, sviluppando le riflessioni di Amartya Sen e Martha Nussbaum e articolando il sostrato etico-antropologico dell'approccio delle capacità, propone un inedito modello di agente economico, articolato intorno alla nozione di ricchezza antropologica e volto a restituire all'economia il ruolo che le è più proprio, quello di mezzo per la promozione del bene dell’individuo e della collettività.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni sull'autore (2013)

Benedetta Giovanola è Ricercatrice in Filosofia Morale presso l'Università degli Studi di Macerata, dove insegna Etica ed economia e Filosofia della storia. Si è occupata del pensiero di F. Nietzsche (Nietzsche e l'Aurora della misura) e Karl Marx (Critica dell'uomo unilaterale. La ricchezza antropologica in K. Marx e F. Nietzsche) e di questioni di etica economica ed etica pubblica, prestando particolare attenzione al tema della responsabilità sociale d'impresa e, più in generale, delle pratiche di business (Re-Thinking the Anthropological and Ethical Foundation of Economics and Business: Human Richness and Capabilities Enhancement) e al rapporto tra sviluppo e giustizia sociale (Etica, economia e giustizia sociale: è possibile “quadrare il cerchio”?). È vincitrice dell'Helen Potter Award, assegnato dall'Association for Social Economics.

 

Informazioni bibliografiche