L'altra veritÓ

Copertina anteriore
Bur, 5 apr 2013 - 160 pagine
Un alternarsi di orrore e solitudine, di incapacitÓ di comprendere e di essere compresi, in una narrazione che nonostante tutto Ŕ un inno alla vita e alla forza del "sentire". Alda Merini ripercorre il suo ricovero decennale in manicomio: il racconto della vita nella clinica psichiatrica, tra elettroshock sguardo della poetessa su questo inferno, come un'onda che alterna la luciditÓ all'incanto. Un diario senza traccia di sentimentalismo o di facili condanne, in cui emerge lo "sperdimento", ma anche la sicurezza di sÚ e delle proprie emozioni in una sorta di innocenza primaria che tutto osserva e trasforma, senza mai disconoscere la malattia, o la fatica del non sentire i ritmi e i bisogni altrui, in una riflessione che si fa poesia, negli interrogativi e nei dubbi che divengono rime a lacerare il torpore, l'abitudine, l'indifferenza e la paura del mondo che c'Ŕ "fuori".
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Sommario

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 9
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2013)

ALDA MERINI (Milano 1931-2009) ha rivelato giovanissima il suo talento poetico. Ha ricevuto premi importanti come il Librex-Guggenheim "Eugenio Montale per la poesia" (1993), il premio Viareggio (1996) e quello della Presidenza del Consiglio dei ministri (1999). Tra i suoi libri ricordiamo Aforismi e magie, La volpe e il sipario, La nera novella.

Informazioni bibliografiche