Licenziare i padroni?

Copertina anteriore
Feltrinelli Editore, 2004 - 249 pagine
Negli anni 90, la privatizzazione delle imprese pubbliche e le inchieste di Mani pulite sembravano favorire l'aumento delle grandi imprese e un'economia basata sulla trasparenza e la concorrenza. Il capitalismo italiano, invece, ha meno protagonisti di prima. I padroni hanno usato i soldi del mercato per regolare i loro conti anziché investirli nella crescita. Tra il 1986 e il 2001, solo la Fiat ha distrutto ricchezza per 27 mila miliardi di lire, mentre la Fininvest, che ne ha guadagnati 11 mila, è un caso unico nel panorama italiano. Nel paese che sogna il diritto al licenziamento senza giusta causa dei lavoratori, l'autore si chiede se lo stesso principio possa essere applicato agli azionisti, quando le giuste cause sono così frequenti.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Licenziare i padroni?

Recensione dell'utente  - michele68 - IBS

Sono grato a M.Mucchetti perché il suo libro “ Licenziare i padroni?” mi ha introdotto nella letteratura economica italiana attraverso quattro storie italiane paradigmatiche. Ho fatto abbastanza ... Leggi recensione completa

Licenziare i padroni?

Recensione dell'utente  - enrico - IBS

Il libro ha due gradi pregi: é scritto in modo chiaro e offre un'analisi lucida, ben suffragata dai fatti, delle vicende dei maggiori gruppi industriali del nostro paese. Anche le parti quantitative ... Leggi recensione completa

Indice

Sezione 1
9
Sezione 2
11
Sezione 3
13
Sezione 4
38
Sezione 5
67
Sezione 6
93
Sezione 7
128
Sezione 8
158
Sezione 9
183
Sezione 10
187
Sezione 11
214
Sezione 12
221
Sezione 13
233
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche