Teoria e prospetto ossia dizionario critico de'verbi italiani conjugati specialmente degli anomali e malnoti nelle cadenze, Volume 1

Copertina anteriore
Stamperia de Romanis, 1814 - 719 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 200 - E tu, figliuol, che per lo mortai pondo Ancor giù tornerai, apri la bocca, E non asconder quel eh* io non ascondo.
Pagina 266 - Fatt' hai questo all' immagine di quello. Ciascuna parte perfetta esistente Nel grado suo, alto Signor, comandi, Che assolva il tutto ancor perfettamente. Tu gli elementi a' propri luoghi mandi, Legandoli con tal proporzione, Che l' un dall' altro non disgiungi, o spandi.
Pagina 41 - Sieti per vendetta l'aver potuto vendicare: che sappi che grande e onesto modo di vendetta è il perdonare...
Pagina 168 - Constabil , sì che ho il terzo Di quel che al notar vien d' ogni negozio; Gli é, perché alcuna volta io sprono e sferzo Mutando bestie e guide, e corro in fretta Per monti e balze , e con la morte scherzo. Fa a mio senno , Maron , tuoi versi getta Con la lira in un cesso , e un' arte impara , Se beneficio vuoi, che sia più accetta.
Pagina 291 - Ch' io nol vedessi sfavillar dintorno , Qual ferro, che bollente esce del fuoco. E di subito parve giorno a giorno . essere aggiunto, come quei, che puote, Avesse 'I ciel d'un altro Sole adorno. Beatrice tutta nell...
Pagina 338 - Sottrarrò da la sorte : o di già , Niso , Gli ti consegno ; e ti prometto in nome Del padre mio , che largiratti ancora Dodici fra mili...
Pagina 168 - Che la giovenca al vincitor cesso abbia, Cercar le selve e le rive più sole Lungi dai paschi, o qualche arida sabbia ; Dove muggir non cessa all'ombra e al sole, Né però scema l'amorosa rabbia: Così sen va di gran dolor confuso II re d' Algier, dalla sua donna escluso.
Pagina 210 - Poi che deposto il pianto e la paura pur al bel volto era ciascuna intenta; per desperazion fatta sicura, non come fiamma che per forza è spenta, ma che per se medesma si consume, se n'andò in pace l'anima contenta, a guisa d'un soave e chiaro lume cui nutrimento a poco a poco manca, tenendo al fine il suo caro costume. Pallida no ma più che neve bianca che senza venti in un bel colle fiocchi, parea posar come persona stanca: quasi un dolce dormir ne...
Pagina 192 - Tanto, eh' io non 1' avea sì forte udito : O Capaneo, in ciò che non s' ammorza La tua superbia, sei tu più punito : Nullo martirio, fuor che la tua rabbia, Sarebbe al tuo furor dolor compito. Poi si rivolse a me con miglior labbia, Dicendo : Quel fu 1* un de
Pagina 154 - Vidi presso di me un veglio solo Degno di tanta reverenza in vista , Che più non dee a padre alcun figliuolo. Lunga la barba e di pel bianco mista Portava a' suoi capegli simigliante De' quai cadeva al petto doppia lista.

Informazioni bibliografiche