Quei temerari sulle macchine volanti: Piccola storia del volo e dei suoi avventurosi interpreti

Copertina anteriore
Springer Milan, 26 mag 2010 - 373 pagine

Nel giugno del 1783 i fratelli Montgolfier aprirono la via delle nuvole con un mezzo “più leggero dell’aria”, la mongolfiera; 120 anni dopo, altri due fratelli, Wilbur e Orville Wright, conquistarono la terza dimensione con un mezzo “più pensate dell’aria”, l’aeroplano. Due modi differenti per raggiungere quello che Wilbur definì “il più grande desiderio dell’umanità”: volare.

In questa breve storia del volo, vengono raccontate le gesta di quanti con ardore e follia, criterio e scelleratezza hanno tentato la via dei cieli: sono quei temerari che per guadagnarsi il sogno hanno messo in conto ossa rotte e cadute rovinose. Di alcuni è rimasta la gloria e il ricordo scolpito nella storia, ad altri un nome perduto nelle cronache di un tempo che fu.

E quando a inizio Novecento si diffondono i primi brevetti di pilota, l’era pionieristica del volo inizia a volgere al termine. Ma per quei temerari a bordo di macchine volanti questo significa solo compiere imprese sempre più ardite lungo la via delle nuvole.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche