L'elefante invisibile: tra negazione e affermazione delle diversitÓ : scontri e incontri multiculturali

Copertina anteriore
Giunti, 1998 - 231 pagine
Vestita di bianco, come per una festa, con un gesto gioioso e denso di speranze, una giovane donna si lancia nel fuoco dove sta ardendo il corpo del marito defunto. Senza un grido o un lamento si lascerÓ avvolgere dalle fiamme, nell'attesa dell'unione eterna e felice con lui. ╚ il rito del "suttee", una cerimonia del mondo ind¨ dalle origini antichissime. Ebbene: quanti di noi potrebbero assistervi serenamente, senza provare sgomento, orrore o indignazione? Chi di noi riuscirebbe ad esaltare come eroica questa forma di suicidio? A questi e a molti altri interrogativi cruciali risponde l'Autore in questo libro. Dove si dimostra come gli incontri fra culture lontane portino sempre spaesamento e incertezza. Ma anche ricchezza d'identitÓ, purchÚ si trovi il coraggio di non distogliere lo sguardo dalle differenze, talvolta abissali, che separano i mondi culturali. ╚ questo il messaggio che oggi ci trasmette la psicologia culturale, uno degli orientamenti pi¨ promettenti della moderna psicologia sociale. Se sapremo raccoglierlo, potremo guardare con pi¨ serenitÓ alla grande sfida multiculturale che tutte le societÓ, all'inizio di questo terzo millennio, sono chiamate ad affrontare.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni bibliografiche