Immagini della pagina
PDF
ePub

Le prime Compagnie Tedesche

A. 1327 - 1343.

MARCO E LODRISIO VISCONTI - IL DUCA GUARNIERI

ETTORE DA PANIGO.

I venturieri sassoni e tedeschi , che Lodovico il A. 1327

-1329 Bavaro meno seco in Italia, allorchè andò a Roma per cingersi della corona imperiale, erano destinati ad aprire in Toscana una gran fonte di non brevi sciagure. Già a Roma avevano eglino colle proprie insolenze esasperato di modo il popolo, che ne era perciò andata a monte la spedizione disegnata da Lodovico sopra Napoli: quindi presso Velletri erano venuti tra loro ad una orrenda zuffa per la divisione delle prede: giunti a Pisa,eccoti che cospirano d'abbandonare l'imperatore, e sotto scusa di certi crediti non soddisfatti, in numero di 800, lasciano la città, e voltansi precipitosamente verso Lucca. Era il proposito loro di sorprenderla in mala guardia, rubellarla, e 29 Sire tenerlasi; nè per fermo andava ad essi fallito, se un' celere nunzio non li preveniva. Respinti perciò da Lucca, albergaronsi nei sobborghi, e li depredarono: alla fine, dopo assaggiate invano le terre vicine, montano sul Ceruglio di Vivinaia, acconcio luogo a cavaliere delle valli dell'Arno e della Nievole, vi

[ocr errors]

ristaurano le fortificazioni qualche tempo ayanti in-
nalzate da Castruccio.contro i Fiorentini, e ne fanno
una sicura stanza, d'onde calansi a riscuotere tributi-
e tolte sull'una oppur sull'altra delle due valli. Di
colà praticano eziandio di essere messi al possesso di
Lucca da una banda di Tedeschi che ne custodiscono
la cittadella; di colà trattano accordo coll'imperatore;
e sia daddovero, sia per conseguir da lui più larghi
patti, col mezzo di due capisquadra mandati apposta
a Firenze offrono nel medesimo tempo un altro ac-
cordo a questa repubblica.

Stava allora in Pisa, alla corte del Bavaro, Marco · Visconti, il valoroso soldato, l'esperto capitano vincitore de' Guelfi in Loinbardia e nel Piemonte, unico della sua famiglia, che l'imperatore non avesse disperso o mandato in prigione. Costui parve a Lodovico l'uomo opportuno per essere spedito al Ceruglio a parlamentare co' Sassoni: e forse l'imperatore nel proporgli cotesto incarico sperò altresì che un subito sdegno o qualche repentino accidente per parte delle soldatesche ribelli gli togliesse di mezzo senz'altro pensiero l'incomodo capitano, che odiavasi come offeso, blandivasi come potente e fedele. Comunque fosse la cosa, non senza certa apprensione Marco Visconti sali al Ceruglio con denari e promesse. Dapprima, come persona sospelta, vi fu ritenuto cortesemente per malleveria delle pague pretese: ma non si tosto le squadre ebbero notizia delle sue gesta, e conobbero i suoi modi e la sua feroce lealtà, che l'animo di esse fu lutto per lui. Bentosto l'acclamarono a pro

prio capo: ed essendo sopravvenuta la partenza del15 april. 1329l'imperatore dall'Italia a liberarle da ogni rispelto,

sotto la guida di Marco s'introducono in Lucca, aiutano per denaro i Pisani a levarsi di collo la guarnigione imperiale, e come gente selvaggia si gettano sul paese sottostante. Nella generale desolazione Camaiore fu arsa colla morte di 400 terrazzani. Quanto a Lucca, già spogliata da Uguccione, da Castruccio, da Lodovico il Bavaro di pecunia e di popolo, non poteva ella servire di lunga dimora a uomini, che altre vie di sostentarsi non conoscevano, tranne il sacco e la guerra. Però dopo averne spremuto quel più che poterono, la offersero in vendita a Pisa e a Firenze per ottanta mila fiorini. A questo termine avevano ridotto cosi nobile città le discordie intestine! Rifiutata da entrambe, dopo infiniti dibattimenti e ambasciate, alla fine un Gherardino Spinola fuoruscito genovese comprolla per trentainila fiorini, e fermando a' suoi servigi alcune squadre dei medesimi Tedeschi, s'avvisò di signoreggiare con esse i traditi cittadini.

Venduta Lucca, e spartitone il prezzo, le soldatesche del Ceruglio o si sbandarono per l'Italia a vivere di ventura, ovvero piene di bottino ripassarono i inonti. Ciò udito, Marco Visconti, che alcuni giorni prima s’ era recato a Firenze per accordare quella vendita, e vi era stato onorato a guisa di principe, se ne parti per andare a Milano, dove lo attendeva una crudel morte per man de proprii congiunti (1).

L'anno dopo i Lucchesi, avendo scacciato di città A. 1330 lo Spinola, si davano in obbedienza a Giovanni re di Boeniia, che venuto per caso in sui confini dell'Italia aveva in breve tempo ricevuto a volontaria de

- 1353

(1) G. Vill. S. 107. 124. 128. 129. 134. 112. 143.

dizione Brescia, Bergamo, Reggio e Modena. Tre anni
solamente durò questa potenza sorta all'improvviso
e quasi per incanto: ma quando gli sforzi uniti di
Firenze e dei signori ghibellini di Lombardia la fecero
cadere, ed egli si tornò a Parigi a'soliti diletti ed amor
reggiamenti, un migliaio de'suoi soldati tra Tedeschi
e Francesi si ricolsero nel Piacentino alla Badia della
Colomba, e sotto il nome di Cavalieri della Colomba
tolsero a vivere di rapina sopra i paesi attorno. Nel
1355 la città di Perugia li chiamò in suo soccorso
contro il signore d'Arezzo, che l'aveva sconfitta in
una gran battaglia; ed eglino entrarono a bandiere
spiegate in Toscana, e respinsero dalla citlà gli Are-
tini, e cambiando le sorti della guerra presero é
disertarono Cisterna e Città di Castello. La pace im-
pose termine come al vincere , cosi al servir loro.
Allora si dispersero quà è là per le terre d'Italia;
540 pigliarono partito presso il Comune di Firenze (1).

Ma questi non'erano che i primi segni di quel che stavano per operare le Compagnie di ventura.

[ocr errors]
[ocr errors]

Prima della sua partenza il re Giovanni di BoeA. 1335 mia aveva ceduto Lucca ai Rossi, illustri cittadini di

Parma ; questi l'abbandonarono in preda à Mastino della Scala, signore di Verona, anzi della Marca Trivigiana. Ciò fu cagione per cui una potente lega si stringesse a' costui danni tra Firenze, Venezia, Milano, Mantova, Ferrara e il duca di Carinzia. Verso questi tempi appunto i Fiorentini col passare secondo l'uopo

(1) Joh. de Cornaz, Hist. Parm. p. 740 (R. I. S. t. XII). G. Vill. XI. 28. 38. 62.

dall'una all'altra alleanza, avevano trovato il modo di conservare l'equilibrio tra gli Stati italiani; nè lo schiere di ventura, che al suono dei fiorini d'oro poteano venire assoldate e spedite ovunque occorresse, erano mediocre strumento a effettuare tal disegno. I Fiorentini ed i Veneziani stipendiarono impertanto a spese comuni due mila cavalli ed altrettanti fanli sotto un capitano di guerra (1): e dopo tre anni di guasti e di rapine sforzarono Mastino a sottoscrivere vergognose condizioni di pace. Per virtù di questa pace venne egli spogliato, tranne Verona e Vicenza, di tutte le città con tanta riputazione già acquistate e rette da Cangrande: ina gli restò quasi a compenso, una immensa smania di vendicarsi: bentosto il posar dell’armi gli aperse la strada a soddisfarla.

Era stata nel corso della guerra la città di Vicenza come divisa tra le masnade tedesche della lega e quelle dello Scaligero : le prime ne avea no occupato e messo in forte i sobborghi; le altre, cacciatine gli abitatori, aveano piantato da padroni le loro stanze

(1) I patti di lega del 1336 portavano « che per li prea delti Comuni si soldino 2000 cavalieri e 2000 pedoni al « presente. , .. che tutte l'emende de cavalli ed ogni spesa ache occorresse, si dovessono pagare comunemente, e che i per la delta guerra fare, si debba tenere uno Capitano di « guerra a comuni spese. ... Ein Venezia dimoravano al « continuo due savi e discreti cittadini a fornire le, detto « paghe e a provvedere le condotte de’soldati, e simile per « lo Comune di Vinegia, e due altri ambasciatori, uno Ca« valiere ed uno Giudice a stare continuo in Vinegia col Dogio, (e col suo Consiglio a dare ordine alla guerra; e due altri « Cavalieri militanti a stare per ciascuno de' detti Comuni « nell'oste col Consiglio del Capitano della gnerra ». G. Vill. XI. 49.

« IndietroContinua »