La mente di Francesco Guicciardini nelle opere politiche e storiche

Copertina anteriore
G. Barbèra, 1897 - 444 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 358 - ... de tant de mouvements et conseils, il n'en rapporte Jamais un seul à la vertu, religion et conscience, comme si ces parties là estoient du tout esteinctes au monde ; et de toutes les actions, pour belles par apparence qu'elles soient d'elles mesmes, il en reiecte la cause à quelque occasion vicieuse ou à quelque proufit.
Pagina 9 - ... abbino l'arme e li altri no, non paghino gravezza alcuna, e sopra li poveri villani si posino tutte le spese ; che vi sieno Parlamenti nelli quali le liti durino tanto che li poveri non possino trovare ragione; che vi sia in molte città canonicati ricchissimi, de...
Pagina 276 - Cominciorono a essere le cure ei negozi loro non più la santità della vita, non più l'augumento della religione, non più il zelo e la carità verso il prossimo, ma eserciti, ma guerre contro a...
Pagina 134 - Tre cose desidero vedere innanzi alla mia morte, ma dubito, ancora che io vivessi molto, non ne vedere alcuna; uno vivere di republica bene ordinato nella città nostra, Italia liberata da tutti e' barbari, e liberato el mondo dalla tirannide di questi scelerati preti.
Pagina 128 - ... disordini d'altri : fuora di questo è inconsiderata e dannosa, perché si resta in preda del vincitore e del vinto. E peggiore di tutte è quella che si fa, non per giudicio, ma per irresoluzione; cioè quando, non ti risolvendo se vuoi essere neutrale o no, ti governi in modo che non satisfai anche a chi, per allora, si contenterebbe che tu lo assicurassi di essere neutrale. E in questa ultima spezie caggiono più le...
Pagina 299 - I' esempio buono della vita, e col correggere e medicare i costumi trascorsi per la salute di quelle anime , per la quale si magnificano che Cristo gli abbia costituiti in terra suoi Vicarj. Morto il Pontefice, il Viceré di Napoli , andato con i soldati Spagnuoli verso Piacenza, costrinse quella Città a ritornare, come già soleva, sotto l
Pagina 358 - ... avoir saisi les hommes si universellement, que quelqu'un n'eschappe de la contagion. Cela me faict craindre qu'il y aye un peu du vice de son goust ; et peult estre advenu qu'il ayt estimé d'aultruy selon soy.
Pagina 105 - Dominii e gli Stati, debbe, dove si può, usare la pietà e la bontà ; e dove non si può fare altrimenti, è necessario che usi la crudeltà e la poca conscienza. E però scrisse Gino tuo bisavolo in quegli suoi ultimi Ricordi: che bisognava fare de...
Pagina 280 - ... inaudita avarizia, vendendo senza distinzione le cose sacre e le profane, aveva attossicato tutto il mondo ;* e nondimeno era stato esaltato, con rarissima e quasi perpetua prosperità, dalla prima gioventù insino all'ultimo dì della vita sua, desiderando sempre cose grandissime e ottenendo più di quello desiderava.

Informazioni bibliografiche