Biblioteca italiana; ossia Giornale di letteratura, scienze ed arti compilato da una società di letterati, Volumi 69-70

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 137 - ... figlio del più grande, più utile allo stato e più ingiustamente perseguitato uomo, che il regno abbia prodotto in questo secolo, èia MS venuta in dare a D.
Pagina 181 - Della Galatea mi terrei un gran maestro , se vi fossero la metà delle tante cose che VS mi scrive : ma nelle sue parole riconosco l'amore che mi porta e le dico * (che per dipingere una bella mi bisogneria veder più belle) con questa condizione che VS si trovasse meco a fare scelta del meglio.
Pagina 42 - Allora risulta che , per equipollenza , la scienza del diritto eminentemente racchiude anche quella della politica economia ; e se nei rapporti di mera equità non si vedeva dapprima una interessante sanzione oltre quella delle religiose coscienze, si scopre in fine che i dettami del diritto vengono raccomandati e sanzionati dalla forza dei materiali e ben ordinati interessi. Compendiando così la teoria e dato un punto di appoggio , ed anzi avvalorando l' opinione, si conduce la dottrina al tuo...
Pagina 137 - Storia civile di quel Regno; e considerando non convenire alla felicità del suo governo ed al decoro della sovranità il permettere che resti nella miseria il 'figlio del più grande, più utile allo Stato e più ingiustamente PREGI DELLA SUA STORIA DEL REGNO DI NAPOLI.
Pagina 268 - ... questa uniformità non si può ritrovare in una legislazione, fatta tra lo spazio di ventidue secoli, * emanata da diversi legislatori, in diversi governi, a nazioni diverse, e che partecipa di tutta la grandezza de' Romani e di tutta la barbarie de
Pagina 197 - Stato e delle nazioni fra loro all'equilibrio dell' utilità e delle forze mediante il conflitto degli interessi e dei poteri ^ conflitto eccitato dall' azion degli stimoli , rattemprnto dall'inerzia , perpetuato e predominato dalle costanti urgenze della natura , modificato dallo stato diverso permanente e progressivo sì dei particolari che delle popolazioni senza discostarsi mai dalla continuità.
Pagina 181 - VS . mi scrive : ma nelle sue parole riconosco l'amore che mi porta, e le dico che per dipingere una bella, mi bisogneria veder più belle, con questa condizione che VS si trovasse meco a fare scelta del meglio. Ma essendo carestia e di buoni giudici e di belle donne, io mi servo di certa idea che mi viene nella mente. Se questa ha in se alcuna eccellenza d'arte, io non so : ben m
Pagina 371 - ... memoriam nostri quam maxume longam efficere. Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur. Sed diu magnum inter mortalis certamen fuit vine corporis an virtute animi res militaris magis procederet. Nam et prius quam incipias consulto et, ubi consulueris, mature facto opus est.
Pagina 371 - Sed nostra omnis vis in animo et corpore sita est; animi imperio, corporis servitio magis utimur; alterum nobis cum dis, alterum cum beluis commune est.
Pagina 30 - ... la efficace ad ottenere la soddisfazione da te e dagli altri desiderata. > • • '' • Ma ecco nello stesso tempo distinta la natura e segnati i limiti fra la giurisprudenza e la economia. In quella tu vuoi l'equità dell'atto senza cercare del motivo, delle mire del bisogno dell...

Informazioni bibliografiche