Cantoni il volontario: romanzo storico

Copertina anteriore
Enrico Politti, 1873 - 204 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 89 - Sepolcri; e involve tutte cose l'oblio nella sua notte; e una forza operosa le affatica di moto in moto; e l'uomo e le sue tombe e l'estreme sembianze e le reliquie della terra e del ciel traveste il Tempo.
Pagina 5 - Per trattenermi colla gioventù italiana sui fatti da lei eseguiti, e sul debito sacrosanto di compire il resto, accennando colla coscienza del vero le turpitudini, ed i tradimenti dei reggitori e dei preti.
Pagina 125 - ... suoi? Celeste è questa corrispondenza d'amorosi sensi, celeste dote è negli umani; e spesso per lei si vive con l'amico estinto, e l'estinto con noi, se pia la terra, che lo raccolse infante e lo nutriva...
Pagina 61 - Cantoni; quando sciolta la rossa camicia, egli scopriva i pomi eburnei , che con mano maestra aveva scolpito natura, quel collo, quelle carni delicate, quel declivio di spalle che con qualche cosa di virile, avea pure tutta la squisitezza della più bella delle figlie d'Eva, oh!
Pagina 5 - Italia molti de' suoi valorosi, che lasciarono la vita sui campi di battaglia per essa.
Pagina 61 - ... d'Eva, oh! allora l'anima del giovine volontario nuotò in quel mare di delizie, che si solca nei primi stadi della vita, forse unicamente felice, del primo amore , ove tutto sorride, ove i godimenti sognati si presentano avvolti dall'involucro divino della speranza e dell'ideale, scevri dalle brutture d'una realtà che sfuma, si dilegua, s'annienta, come il fumo di un sigaro, lasciando dietro sè lo sconforto, e sovente l
Pagina 131 - Petrarca, che volevano un'Italia anche col diavolo, erano poveri visionari ; solo i puri che dottrinano, ma non si muovono, mandano alla pugna e se ne tengon lontani, ponno costituire il paese.
Pagina 140 - Triumvirato! e quali tradizioni ha nel nostro paese il triumvirato, fuori della guerra civile e della tirannide? Eppure tale fu la forma di governo adottata da uomini pieni di buona volontà e patriottismo, ma traviati dalla presunzione del Mazzini, che senza avere la capaci.
Pagina 6 - Circa alla parte romantica, se non ci fosse la storica , in cui^ mi reputo competente, e se non mi sentissi provocato dall'insofferenza dei vizi e nefandezze...
Pagina 150 - La sera del 30 aprile 1848, fu una vera festa in Roma per la incorrotta popolazione. Era un andirivieni strepitoso di gente per quelle superbe strade, ove da secoli non risuonava più l'inno della vittoria.

Informazioni bibliografiche