Recensioni

Recensioni degli utenti

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Questo libro non mi è piaciuto particolarmente per le azioni crudeli,sadiche,raccapriccianti e macabre compiute dal gramo, la parte cattiva del visconte
Enrico 2C 2017/2018

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Alla biblioteca di villa spada
Ce la vete questo libro
_, IL VISCONTE DIMEZZATO DI ITALO CALVINO

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

il visconte Meraldo di Terralba decide di partecipare alla guerra contro i Turchi, che si sta combattendo in Boemia. Arrivato all’accampamento cristiano, senza avere nessuna esperienza di battaglie, viene nominato dal re come tenente. Infatti, durante la sua prima battaglia, attacca una postazione di artiglieria pesante dal davanti e questa colpendolo lo ferisce e lo dimezza. Ritrovato alla fine della battaglia viene curato e salvato dai medici; congedato dalla guerra fa ritorno a Terralba. I suoi sudditi vedendolo cosi sfregiato non hanno una buona impressione di lui infatti si accorgono ben presto che quella metà di Meraldo è malvagia. Infatti, non volendo visitare suo padre Aiolfo, lo fa morire ed inoltre da quel momento in poi qualunque persona che trasgrediva la legge veniva punita con la pena capitale: l’impiccagione. Mastro Pietrochiodo, il carpentiere di Terralba, dall’arrivo del visconte non fa altro altro che continuare a costruire e a perfezionare forche nuove, per conto del visconte. Merardo era temuto ed odiato da tutti gli abitanti di Terralba per il fatto che si divertiva ad appiccare incendi e a rendere difficile la vita alla gente.
L’arrivo della metà buona di Merardo è inaspettata e i più sperano che il Buono scacci il Gramo dal regno, così da instaurare un’epoca di pace e di felicità per tutti. Ma purtroppo il Buono, all’inizio stimato e amato da tutti per la sua indole ad aiutare il prossimo, ben presto incomincia ad essere visto anche lui come una minaccia: in quanto non permette più di fare i propri affari a discapito degli altri e non consente costumi troppo licenziosi. Pur di fare del bene a tutti, causa lui stesso del male: per causa dei suoi consigli alcuni sbirri vengono mandati a morte dal Gramo. I primi ad accorgersene sono gli ugonotti infatti da come avevano imparato a difendersi dal Gramo, così ora imparano a difendersi dal Buono che veniva a spiare i loro affari per agevolare i poveri del paese.
Un giorno sia la parte buona che la cattiva si innamorano di Pamela: entrambe furono rifiutate dalla pastorella. La parte cattiva perché pretendeva di averla con la forza e di rinchiuderla così per il resto della sua vita in una torre, la parte buona perché voleva, una volta unitosi a lei nel matrimonio, andare insieme a lei ad aiutare tutti i più bisognosi e più poveri sudditi del paese.
Fu così che il Gramo andò a riferire che la figlia si sposasse con la parte buona di sé, mentre il buono faceva l’esatto contrario. Tuttavia Pamela si sposò con il Buono, ma il Gramo rivendicando di essere lui lo vero sposo di Pamela sfidò a duello l’avversario. Durante lo scontro armato i due si ferirono gravemente alla propria metà. Cosi il dottor Tralawney col pretesto di curarli li ricucì insieme, facendo diventare le due metà una persona sola: salando la vita al visconte e facendo terminare una brutta epoca al paese di Terralba.
 

Il visconte dimezzato

Recensione dell'utente  - andreaber - IBS

leggete le prime 3 pagine e vi parrà di essere appena scampati ad una battaglia medioevale..bella la scrittura...bella l'idea dell'uomo incredibilmente vivo e doppiamente seppur dimezzato...uscire dal proprio corpo per reimpossessarsene! offre tante chiavi di lettura Leggi recensione completa

Valutazioni degli utenti

5 stelle
3
4 stelle
3
3 stelle
1
2 stelle
1
1 stella
1

Tutte le recensioni - 7
1 stella - 0

Tutte le recensioni - 7
Recensioni editoriali - 0

Tutte le recensioni - 7
IBS - 4