Catalogo ragionato de' libri stampati in Vicenza

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 188 - Medico Vicentino ; il quale destinato essendo dalla Repubblica di Venezia a passare in Candia per esercitarvi la Medicina , Cassandra lo avea seguitato ; e nel tornar poscia con lui a Venezia , essendo stati travagliati da una pericolosa tempesta, per cui perduta parte de...
Pagina 10 - Ma la buona sorte della letteratura volle eh' essa si ritrovasse allor quando la ricerca de' libri avea risvegliato , direi quasi , un universal fanatismo ; e perciò non si tosto se n...
Pagina 13 - Nostri Correttori da nostri Artefici qui s' imprimessero? Che Je stampe della Nostra Città e Territorio, dimostrando la primiera semplicità di tal arte, da tutti gli Eruditi Bibliotecarj vengano cotanto apprezzate? Prova tutto ciò ad evidenza, quando non fossero ancora alla luce due grossi volumi in 4. grande del P. Angelo Gabriele Calvi Carmelitano Scalzo degli Scrittori Vicentini di quel secolo XV".
Pagina 13 - Qual meravìglia che le Città a noi vicine , come Padova e Verona , per nulla dir di Trevigi ( le quali contro ciò che prima credeva, di due anni ci precedettero nello stampare ) mandassero in Vicenza i loro Statuti Municipali, perché sotto gli occhj de' Nostri Correttori da nostri Artefici qui s
Pagina 126 - Eredi stessi dello Scoto lo fecero ristampare per ben due volte sul principio del Secolo XVI. del VII, cioè, e del XIV. Quella del VII. esiste in S- Corona. E giacché scriviamo di un Tiene , Famiglia Nobilissima della nostra Città, accenneremo come tra" gli Opuscoli del Chiaris-« simo Poeta Laureato Francesco Petrarca impressi in folio ,, Venetiis impensis D.
Pagina 200 - Arbc era stato trasferito a quella di Traù sotto la Metropolitana diSpalatro: cosa chiamata in dubbio , se non negata dal P. Calvi T, III. degli Scrittori Vicentini pag. cxv. ove d'inesattezza ingiustamente rimprovera il nostro Cavaliere Michelangelo Zorzi , che lo aveva appellato Vescovo di Traù.
Pagina 1 - Padova, e da altri, si misero a ra« cogliere per ogni dove que' Libri, che per la loro antichità, e rozzezza di ligatura , quanto erano spregieroli agli occhi de' risguardanti , altretanto di pregio e di rarità in se racchiudevano. Quindi fattane una non piccola collezione, se ne pubblicarono de* Cataloghi ragionati or fotto un aspetto , ed or sotto un altro a gloria della Letterati^ та Italiana ; eccítando in símil guisa i loro Cormaziomli a non eííere si faciii
Pagina 209 - Krenos Miinster ) dell* Ordine di S. Benedetto nell" Austria , vien riferito come ivi esistente il Libro del nostro P. Pietro ; dalla diversità della cui finale si può ritrarre essere stata questa una diversa...
Pagina 50 - Jo alcuno pòi brama sapere chi sia stato il primo Incisore in legno, o stampatore, che le abbia aggiunte a qualche sua edizione ; accennerò qui ciò che scrive su di ciò ilCh.
Pagina 7 - Jagni di fede , i quali possono a tutti attestare: che fin d'allora i Fratelli di Spira in Germania avevano stampato Libri nella gran Città di Venezia, prima che il...

Informazioni bibliografiche