Storia civile del regno d'Italia, Volume 1

Copertina anteriore
A. Morano, 1885 - 3432 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 195 - Non sia discaro alla generosa nazione tedesca che noi la invitiamo a deporre gli odii ea convertire in utili relazioni di amichevole vicinato una dominazione che non sarebbe nobile, né felice quando sul ferro...
Pagina 511 - La forma del governo dello Stato romano sarà la democrazia pura, e prenderà il glorioso nome di Repubblica Romana.
Pagina 255 - Italia le colpe antiche di lei, ha voluto ora suscitarla a nuova gloriosissima vita, io vengo tra voi alla testa del mio esercito, secondando così i più intimi impulsi del mio cuore: io vengo tra voi non curando di prestabilire alcun patto: vengo solo per compiere la grande opera dal vostro stupendo valore così felicemente incominciata.
Pagina 180 - II vostro re divide con voi quel vivo interesse che la causa italiana desta in tutti gli animi, ed è però deliberato a contribuire alla sua salvezza e vittoria con tutte le forze materiali che la nostra particolare posizione in una parte del regno ne lascia disponibili.
Pagina 308 - Lombardia, fu quello il mio solo scopo, non avendo mire d'interesse di famiglia, ed ora, mediante questo atto, lo veggo consolidato. La felicità, l'indipendenza e la libertà della famiglia italiana, saranno sempre doveri per me. Io mi affretterò di trasmettere...
Pagina 175 - I destini d'Italia si maturano: sorti più felici arridono agli intrepidi difensori di conculcati diritti. Per amore di stirpe, per intelligenza di tempi, per comunanza di voti. Noi ci associamo primi a quell'unanime ammirazione che vi tributa l'Italia. Popoli della Lombardia e della Venezia! Le nostre armi che già si concentravano sulla vostra frontiera quando voi anticipaste la liberazione della gloriosa Milano, vengono ora a porgervi nelle ulteriori prove quell'aiuto che il fratello aspetta dal...
Pagina 82 - L'unica religione dominante dello Stato sarà la cattolica apostolica romana, e non vi sarà tolleranza di altri culti. La persona del Re sarà sempre sacra, inviolabile e non soggetta a responsabilità. I ministri saranno sempre responsabili di tutti gli atti del Governo. Le forze di terra e di mare saranno sempre dipendenti dal Re. La guardia nazionale sarà organizzata in modo uniforme in tutto il Regno, analogamente a quella della capitale. La stampa sarà libera, e soggetta solo...
Pagina 255 - Italiani! In breve la nostra Patria sarà sgombra dallo straniero ! E benedetta le mille volte la Divina Provvidenza la quale volle serbarmi a così bel giorno, la quale volle che la mia spada potesse adoperarsi a procacciare il trionfo della più santa di tutte le cause.
Pagina 496 - ... rientrare in Roma senza esservi protetto contro i tentativi possibili di pochi faziosi. > Per sortire questo intento senza gelosia del popolo e pregiudizio della dignità romana, il nostro Governo offrirebbe al Santo Padre un presidio di buoni soldati piemontesi, che lo accompagnerebbe in Roma ed avrebbe per ufficio di tutelare non meno la legittima podestà del Pontefice contro pochi tumultuanti, che i diritti costituzionali del Parlamento e del popolo contro le trame ed i conati di pochi retrogradi....
Pagina 82 - Potere legislativo sarà esercitato da noi e due Camere, cioè una di Pari, e l'altra di Deputati; la prima sarà composta d'individui da Noi nominati, la seconda lo sarà di Deputati da scegliersi dagli Elettori sulle basi di un censo che verrà fissato. L'unica Religione...

Informazioni bibliografiche