Dizionario corografico dell'Italia, Volume 1

Copertina anteriore
Francesco Vallardi, 1868
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 266 - Veggio in Alagna entrar lo fiordaliso , E nel Vicario suo Cristo esser catto. Veggiolo un' altra volta esser deriso : Veggio rinnovellar l'aceto e '1 fele , E tra vivi ladroni essere anciso.
Pagina 481 - Irato a' patrii Numi, errava muto ove Arno è più deserto, i campi e il ciclo desioso mirando; e poi che nullo vivente aspetto gli molcea la cura, qui posava l'austero; e avea sul volto il pallor della morte e la speranza.
Pagina 90 - Mentre l'acque di quei fiumi continuano a portare al largo mare le torbide, che depongono in vicinanza della foce, questo, agitato dai venti, esercita un'azione contraria in tutta la lunghezza della spiaggia, tendendo a respingere le materie medesime verso di essa. Combinati questi movimenti con. quello continuo del mare da sinistra a destra, che chiamasi moto radente, distendono tali materie lungo il litorale, anche a notevoli distanze dalle foci dei fiumi.
Pagina 317 - ... delle principali vie urbane : vi è un arco onorario , i ruderi di teatro ed anfiteatro , un ingente magazzino militare cogli avanzi di due templi, parecchi frammenti sparsi e copiose iscrizioni ; nella valle poi si vedono numerose reliquie della Romana strada , che già la percorse longitudinalmente. Pregio singolare dei monumenti urbani d'Aosta si è pure il sapersi che tutti, quali ci rimangono, furono edificati o per cura di Ottaviano Augusto, il quale alla città diede origine e nome, od...
Pagina 481 - E a questi marmi venne spesso Vittorio ad ispirarsi. Irato a' patrii Numi, errava muto ove Arno è più deserto, i campi e il...
Pagina 373 - Le Costituzioni di Eleonora giudicessa d'Arborea intitolate Carta de Logu, colla traduzione letterale dalla sarda nell'italiana favella , e con copiose note del consigliere di Stato e referendario cav. don Giovanni Maria Mameli de Mannelli.
Pagina 97 - ... sotto l'immagine di sponsali. Egli é per questo, che allora quando il vascello Ducale era giunto alla bocca del porto , si volgeva al mare colla poppa, e il Vescovo benediceva l'anello nuziale, e presentavalo al Doge; indi versava un gran vaso di acqua santa nel luogo dove...
Pagina 118 - Dello stabilimento delle miniere e relative fabbriche nel distretto di Agordo, trattato storico -mineralogico -disciplinale, di MA Corniani degli Algarotti.
Pagina 92 - SOLIDO MARMORE CONTRA MARE POSUERE CURATORES AqUARUM AN. SAL. MDCCLI AB URBE COND.
Pagina 28 - L'ingegno abruzzese non è sottile e rapido come quello del calabrese, ma lo vince in chiarezza ed opportunità; la sua mente è posata ed ordinata, ragionato e maturato il suo consiglio. Solerte, industrioso, capace d'ogni fatica e sofferenza, l'abruzzese non spera e dispera facilmente. Vuoi vitto abbondante per bisogno non per ingordigia, ed aggiungi che nato ed educato alla parsimonia, indurito e fatto edotto e prudente dalla inclemenza del clima, dall'asprezza de...

Informazioni bibliografiche