Il calcio e i favolosi anni '60

Copertina anteriore
Lampi di Stampa, 1 ott 2011 - 112 pagine
A prima vista questo libro può apparire un canto disperato di un pastore dell’Asia Minore in una notte di plenilunio, oppure uno zibaldone di ricordi lieti e mai sbiaditi. Ma non è così. Non bisogna confondere la nostalgia con la speranza di un futuro migliore. Mio padre ha sempre detto di essere stato un uomo dell’Ottocento, amante dell’antico liberalismo e della “Belle epoque”, ma proiettato verso un futuro migliore, una terra promessa mai vista, in quanto è mancato nel 1999, a due o tre passi, forse di più, dalla terra promessa. E mai questo dribbling del Novecento fu più illuminato! In questi tempi duri e diffi cili porto anch’io in grembo un piccolo e fuggevole paradiso vissuto da bambino e da adolescente, poco più oltre qualcosa si è andato spegnendo nel mondo. Racconto come un menestrello provenzale aneddoti di calcio soprattutto degli anni Sessanta e Settanta, di cantanti e di complessi iniziatici di quell’epoca, dai Beatles ai Nomadi, ed altri ancora, di una letteratura che non muore mai, siano i suoi protagonisti Pavese, Montale e Calvino, oppure Caminiti, Brera ed Arpino. Gli anni Sessanta non torneranno mai più su questa terra per opera dell’uomo, forse potrebbero ritornare per opera del cielo, o meglio potrebbero essere meglio completati per opera di una rivelazione divina a tutti gli uomini di questa nuda e cruda terra. Rifi uto così ogni sorta di nostalgia e mi proietto verso il futuro. Sono così convinto che quei tempi intrisi di Rinascimento ritorneranno come d’incanto. Ed io li rivivrò al di qua del fi ume della vita terrena, oppure al di là di esso, oltre le nuvole del cielo.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2011)

Gian Luigi Caron è nato a Vercelli il 2 aprile 1957 e vi risiede tuttora. Ha frequentato il Liceo Classico a Vercelli e si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Camerino. Insegna Discipline giuridiche e economiche e Psicologia nelle scuole medie superiori. Ha collaborato con i settimanali “La puntura” e “Il mio giornale”, entrambi giornali satirici diretti da Giovanni Migliavacca, negli anni 1987 e 1988. Ha pubblicato i libri “E che Dio ce la mandi buona” nel 1998, “Oltre il volo delle farfalle” nel 1999, e “Il ritorno degli Dei” nel 2008.

Informazioni bibliografiche