Storia d'Italia: continuata da quella del Guicciardini, sino al 1789, Volume 3

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 150 - ... siti, e conoscere come sorgono i monti, come imboccano le valli, come giacciono i piani , ed intendere la natura de' fiumi e delie paludi , ed in questo porre grandissima cura.
Pagina 429 - Tommaso Campanella da Stilo in Calabria. Costoro usando, o per meglio dire, abusando della libertà nuova di speculare, trascorsero in opinioni empie e pericolose. Non fermerommi a parlare del primo , perciocché avendo insegnato, che...
Pagina 273 - Berne gli diede la spada nel petto , e gli altri , finito eh' ebbero d' ammazzarlo co' pugnali , lo gettarono dalle finestre nel cortile , e subito fu strascinato in una stalla. Nel medesimo palazzo furono ammazzati...
Pagina 286 - Non sono il primo principe che ha preso una sua vasalla, ne saro manco t'ultime ; è gentildonna, edè mia moglie e ha da essere. Non cerco brighe, ma non ne fuggo, se me ne sarà date in casa mia ; perché sono risoluto, quando fo una cosa, e penso a quel che ne puô nascere, e confldo in dio, e nelle mie mani.
Pagina 275 - Tolosa, ed in moltri altri luoghi, ma sopra tutti a Lione si fece strage grandissima degli Ugonotti, non si perdonando né a sesso, né ad età, né a qualità di persone : all' incontro ne' luoghi, ov' erano governatori, o dipendenti de...
Pagina 250 - Mustafa Marcantonio Bragadino fu « condotto in piazza nudo, colle mani e piedi legati, «colla faccia volta alla colonna, dove si castigano i « malfattori ! quivi , standosene Mustafa guardando sì « fiera crueltà , fu vivo scorticato. Rifulse incredibil...
Pagina 398 - Francia per questo attentato un terribile strepito contro i gesuiti talmente che furono , come corruttori della gioventù , perturbatori della quiete pubblica , nemici del re e del regno cacciati , sotto pena del crimenlese , dalla Francia...
Pagina 71 - Che tutti quelli, i quali avevano pieno e libero dominio sopra i castelli e sopra le terre, che possedevano, non dipendenti da altri che dalla sovranità della corona , potessero nella loro giurisdizione esercitare liberamente la religione riformata ; che gli altri feudatarj, che non avevano tal dominio, potessero fare l'istesso nelle loro case, e per le loro famiglie solamente, purché non abitassero nelle città e nelle terre, ma fuori ai loro 'palazzi e castelli ; che in ciascuna provincia sarebbero...
Pagina 276 - ... egli dimandava solamente di non esser violentato nella coscienza , onde adirato il Re agramente lo riprese , chiamandolo più volte temerario, arrabbiato, contumace, traditore, ribello, e figlio di ribello, e lo minacciò di levargli la vita , se nel termine di tre giorni non si faceva cattolico e non dava evidenti segni del pentimento suo. Così ed a lui, ed al Re di Navarra furono poste le guardie , e levati loro i primi servitori, che nell' ora medesima furono tagliati a pezzi, e d' ordine,...
Pagina 171 - Dopo varj indugi ed accidenti di mare, arrivato sulF isola a Pietranegra , con grandissima prestezza ed ottimo ordine mise in terra intorno a dieci mila combattenti tra Spagnuoli ed Italiani , poi se ne tornava nei porti sicuri della Sicilia. Gli sbarcati, partitisi in tre squadroni, due di Spagnuoli, uno d'Italiani, gli uni e gli altri ardentissimi nel voler cimentarsi con gli Ottomani , si mossero inverso la città di Malta; poi quivi ristoratisi s'incamminarono all'incontro del campo nemico.

Informazioni bibliografiche