Ricerca Immagini Maps Play YouTube News Gmail Drive Altro »
Accedi
Libri Libri 1 - 10 di 26 su il viso che laudato sarà, s'io vivo, in più di mille carte .
" il viso che laudato sarà, s'io vivo, in più di mille carte  "
Nuovo dizionario piemontese-italiano ragionato e comparato alla lingua ... - Pagina 263
di Giovanni Pasquali - 1870 - 621 pagine
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Francesco Petrarca, Volume 1

Francesco Petrarca, Andrea Rubbi - 1784
...doglia insano Che molto amata cosa non ritrove: E così trifto ftandofi in disparte' Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte; •*—•*• •*•-> •*-••> •*••••* •*—•> •*••••> •*-*••...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime di Francesco Petrarca: tratte da' migliori esemplari, Volume 1

Francesco Petrarca - 1799
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove : E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte: E pietà lui medesmo avea cangiato Sì che i begli occhi lagrimavan parte : Però l'aere ritenne il...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime di M. Francesco Petrarca, Volume 2

Francesco Petrarca, Francesco Soave, Girolamo Tiraboschi - 1805
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove : così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte : pietà lui medesmo avea cangiato Sì, eh' e begli occhi lagrimavan parte : Però l'aere ritenne il...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Rime di Messer Francesco Petrarca giusta l'edizione del Parnaso Italiano del ...

Francesco Petrarca - 1815
...doglia insan» Che molto amata cosa non ritrove : E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo , in più di mille carte: E pietà lui medesmo avea cangiato Si SONETTO XXXV. che 'n Tessaglia ebbe le man t1 pronte A farla...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime del Petrarca, Volume 1

Francesco Petrarca - 1820
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove : E cosi tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte : E pietà lui medesmo avea cangiato Si , eh" e' begli occhi lagrimavan parte ; SONETTO XXXVI. eh'...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime del Petrarca, Volume 1

Francesco Petrarca, Antonio Marsand - 1821
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove: E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso, che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte: SONETTO XXIX. Alcuni piansero i loro stessi nemici , e Laura noi degna ncppur d'una lagrima. l, eh'...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime del Petrarca, Volume 1

Francesco Petrarca, Antonio Marsand - 1821
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove: E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso, che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte: SONETTO XXIX. Alcuni piansero i loro stessi nemici, e Laura nol degna neppur d'una, lagrima. V^uel,...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Rime, Volume 1

Francesco Petrarca, Alessandro Tassoni, Lodovico Antonio Muratori - 1826
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove: E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso, che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte : E pietà lui medesmo avea cangiato Sì, che i begli occhi lagrimavan parte : Però l'aere ritenne...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Rime secondo la lezione del professore Antonio Marsand, Volume 1

Francesco Petrarca - 1829
...altrui commove. E pietà lui medesmo avea cangiato E così tristo standosi in disparte, Tornar non vide il viso che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte. Si, che i begli occhi lagrimavan parte : Però l'aere ritenne il primo stato. SONETTO XXIX. Alcuni...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le rime del Petrarca, Volume 1

Francesco Petrarca - 1832
...doglia insano, Che molto amata cosa non ritrove: E così tristo standosi in disparte Tornar non vide il viso, che laudato Sarà, s'io vivo, in più di mille carte: E pietà lui medesmo avea cangiato Si, che i begli occhi lagrima van parte: Però l'aere ritenne il...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro




  1. Biblioteca personale
  2. Guida
  3. Ricerca Libri avanzata
  4. Scarica PDF