L'idea di Medioevo: fra storia e senso comune

Copertina anteriore
Donzelli Editore, 2005 - 111 pagine
Qual è il senso del medioevo? In che cosa gli siamo debitori? Perché studiarlo o insegnarlo? In questo breve, densissimo scritto, uno storico insigne prova a cimentarsi con le domande più radicali, e solo apparentemente più ovvie. In questa nuova edizione, ampliata e riveduta, l'autore partendo dai luoghi comuni e dai distinguo degli specialisti arriva a definire il medioevo un grande "laboratorio", un cantiere dove lavorano molteplici esperienze e idee.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Valutazioni degli utenti

5 stelle
0
4 stelle
2
3 stelle
2
2 stelle
0
1 stella
1

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

L'ho appena letto e l'ho trovato veramente innovativo. Propone uno smontaggio delle grandi balle che fin ora si sono dette sul medioevo, portando ad una rivalutazione di questi mille anni che sono la nostra base culturale più intima in Europa, che piaccia o no.
Finalmente un libro storico di ampia visuale!
 

L' idea di Medioevo. Fra storia e senso comune

Recensione dell'utente  - Marco Macrì - IBS

L'autore è stato così sintetico, perchè prima di essere pubblicato come libro a se stante era l'introduzione del manuelo Medioevo della donzelli editore. Ecco spiegao il perchè Leggi recensione completa

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Riferimenti a questo libro

Europe (in theory)
Roberto Maria Dainotto
Visualizzazione frammento - 2007

Informazioni bibliografiche