I corrotti e gli inetti: Conversazioni su Machiavelli

Copertina anteriore
Giunti - 186 pagine
0 Recensioni
Tra i grandi archetipi politici della cultura occidentale c’è Il Principe di Niccolò Machiavelli. Nel 500° anniversario di quest’opera, due interpreti d’eccezione, un giornalista e uno storico della filosofia, si confrontano sull’attualità di quel pensiero: tanto perturbante quanto popolare ed estremo. Nelle conversazioni incalzano le domande che l’attuale crisi politica ha reso ineludibili: il rapporto con l’etica, i confini dell’esercizio dell’autorità, l’errore e la responsabilità personale. Machiavelli indaga la precarietà di una società esposta alla decadenza, anticipando le inquietudini politiche che le filosofie del Novecento, soprattutto Nietzsche e Heidegger, hanno registrato con drammatica chiaroveggenza. La stessa breve storia d’Italia, dal Risorgimento al naufragio della prima repubblica, mostra la paradossale avventura di “un popolo che ha convissuto con il grottesco della politica senza prenderlo sul serio”, in perenne fuga dalle proprie responsabilità. Un’analisi originale, a tratti estrema, che attraverso cinque secoli di storia e filosofia politica ripensa l’attuale crisi dello Stato e le conseguenze sui destini dell’uomo contemporaneo. “È insegnamento machiavelliano che la politica ha un suo indiscutibile primato: per la conquista, non della forza, che è uno strumento, ma della civiltà.”
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche