Immagini della pagina
PDF
ePub

spagnuoli attestano di avere ricevuto da certo Isacco ebreo L scudi in prezzo del riscatto suo, della moglie Bala , della figliuola Elia, e della nuora Rich. Ecco la quietanza (1).

Mensis julii 21 1527 (2).

In mei etc. constitutus d. Petrus de Vallevanck hispanus, Bartholomeus Vainethus etiam hispanus, et quilibet ipsorum refutaverunt Isaac Salomonis et Heliae etiam filiae dicti Isaac et Balae uxori ejusdem Isaac el Rich uxori d. Caym filii dicti d. Isaac praes. omnia jura eiset cujuslibet ipsorum competentia contra eos occasione taliae impositae pro redimendo sese ipsos a manibus eorum militum nullo jure etc. hanc autem refutationem fecerunt quia etc. confessi fuerunt habuisse ct recepisse ab iisdem de talia quinquaginta scutorum per ipsos impositorum de quibus vocaverunt se se bene pachati etc. pro quibus etc. Actum in regione Arenulae.

Ciccarellus

Il 13 agosto per gli atti pure del Ciccarelli Paolo di Sulmona promette pagare L scudi d'oro per se, per mastro Stefano carrettiere e per Salvato Salvati a Jacopo Mugnoz che nell'istrumento è detto soldato della cesarea maestà di Carlo V. imperatore. Ecco l'istrumento (3):

Indictione etc. mensis augusti 13. 1527.

In praes. etc. constitutus discretus vir Paulus q. Mariani de Sulmona sponte etc. promisit solvere et cum effectu pacare d. Jacobo Mugnozo hispano militi caesareae majestatis Caroli V imperatoris semper augusti idest scuta quinquaginta auri ad rationem decem juliorum pro quolibet sculorum, videlicet scuta similia viginta pro tallia ipsius Pauli per ipsum facta pro redimendo captivitatis dicti d. Jacobi et scutorum taxam aliam similem magistri Stephani carpentarii et aliam similem Salvati de Salvatis : videlicet solvere promisit hinc per totum diem jovis proxime futuri quinquaginta scutorum pro quibus etc. obligavit omnia bona ejus tam mobilia quam immobilia et quamdam ipsius Pauli do

(1) L'originale esiste nell'officio del notaio Tassi.

(2) La data di questa quietanza prova che nei tempo della pestilenza non tutte le milizie si ritrassero di Roma.

(3) L'originale esiste nell'officio Tassi.

mum sitam in regione Transtiberim cui ab uno latere sunt bona Mariani de Al. dopasso etc. Actunu Romae in regione transtiberina in apotheca Brandi de Paccis etc.

Ciccarellus

Il 5 ottobre per gli atti di Fulgenzio Guastaferri Deco d'Avila della compagnia del signor Giovanni d' Urbino dichiara avere ricevuto xxx scudi da Giovanni de' Petrucci del rione Monti in prezzo di suo riscatto. Ecco la quietanza (1):

In praes. etc. constitutus vir nobilis Johannes Decus de Avila soldatus de societate d. Johannis de Urbino prout etc. confessus fuit se habuisse et recepisse a Johanne de Petrutiis romano de regione Montium scutos auri triginta pro parte tagliae per eum receptae tempore quo dictus Johannes fuit captus a d. d. Deco, et nunc manualiter in pecunia numerata in auro et argento monetato praef. d. Decus habuit et recepit ab Evangelista alias Mezabate pescivendulo praesenti et solventi nomine dicti Johannis scutos X pro residuo dictorum triginta sculorum pro dicta talia. Propterea praef. d. Decus quietavit et liberavit poenitus et absolvit eumdem Joannem absentem etc. de dicta summa 30 scutorum. Actum in gabella piscium etc,

Fulgentius Guastaferri (2).

Fioriva nel rione Monti la famiglia Salamoni alla quale crescevano splendore Girolamo e Mario dottore nell' una e nell'altra legge che il 1511 come deputato del rione Campitello firmò l'atto di sommessione che il popolo romano fece a papa Giulio II. Bisogna dire che i Salamoni fossero tenuti uomini prudenti, benevoli, abili nel proporre e nello stringere conciliazioni ed accordi: il vero è che molti patrizi e cittadini nella loro casa si ricovrarono, fra'quali nominerò Marcantonio de'Crescenzi ed Alessandro de'Paparoni. Tutti costoro essendo prigioni di Antonio de Hojeda, Francesco Ximenes e Giovanni Romero spagnuoli si obbligarono per

(1) L'originale esiste nell'archivio del notaio Malagricci.

(2) Non credo che costui appartenesse a' Guastaferri che, per dello di Teodoro Amidenio, strinsero parentela con i Caetani di Pisa,

gli atti di Savo Perelli pagare 5 m. scudi in prezzo del riscatto loro : Girolamo de' Salamoni, il detto Marcantonio de' Crescenzi e Mario de' Menteboni fecero malleveria del pagamento e sette altri furono deputati alla esigenza delle quote respettive. Furono pagati di presente 700 scudi , poi 1200 per le mani di certo Nicolò de Aricia, poi i rimanenti: e così il 27 giugno due de' predetti soldati fecero quietanza a Girolamo de' Salamoni. Solo due di questi atti riferirò alla distesa, essendo gli altri a questi due (1) somigliantissimi, salvo alcune formole ed il quanto delle somme.

I Die g maii 1527.

Cum hoc fuerit et sit prout parles asseruerunt quod viri nobiles d. Hieronymus Salamonius, Marcus Antonius de Crescentiis, Marsilius de Bariscianis, Johannes Baptista de Formicis, Marius de Mentebonis et Alexander de Paparonibus sese obligaverint solvere d. Antonio Hoyeda et aliis ejus sotiis quatuor mille trecentos et septuaginta scutos auri ad julios X pro residuo taliae impositae omnibus hominibus et foeminis receptis in domo dicti d. Hieronymi et captivis praefatorum Antonii et sotiorum et ad eos de captivitate hujusmodi eximendo constituerint sese in obstagiis in manibus ejusdem d. Antonii et sotiorum pro dicta summa d. Hieronymus Salamonius, M. A. de Crescentiis, et Marius de Mentebonis; et cum lalia hujusmodi communiter sit solvenda per omnes masculos et foeminas in dicta domo ut supra caplos et captivos ne infrascripti obslagii pro omnibus patiantur, ideo personaliter constituti D. Marius Salamonius I. U. doctor - Hieronymus Massarinu's M. A. de Crescentiis

de Hieronymus Salamonius J. Bta de Formicis

-- Antonius de Parma Pizicarolus Cosmalus et Marius de Montebonis fratres -- Perinus Guantarius Paulus des Bosis

-- Ascanius Bonoamore Marsilius de Bariscianis

-Aloysius de Lando Alexander de Paparonibus

* Angelus Speranzinus Seraphinus de Lucchinis

-- Bartholomeus de Treviso furna.

rius Rubertus, Livius, Antonius de Pisis fratres -- Scarinci Corso sponte etc. fecerunt septem taxatores idest d. Marium Salamonium, d. Jo. Bapłami de Formicis, d. Cosmatum de Montebonis, d. Marsilium de Bariscianis, d. Ale

(1) Gli originali esistono nell'officio Bacchetti in Campo Marzói

Xandrum de Paparonibus, d. Seraphinum de Lucchinis, d. Robertum de Pisis aromatarium ad imponendum taxam omnibus et singulis tam masculis quam foeminis ut supra captivis et desertis et taliter quod unus pro alio teneatur pro dicta talia ut supra solvenda.

Actum Romae in regione Montium in domo habitationis ipsius d. Hiero nymi Salamonii.

Savus de Perellis

II. Quietatio pro d. Hieronymo Salamonio

Die 27 junii 1527

Personaliter constituti d. Franciscus Ximenes et d. Johannes Romerius hispani milites caesareae majestatis sponte elc. remiserunt etc nobili viro d. Hieronymo Salamonio romano praes. omnia jura quae habent contra d. Hieronymum praedict. in summa et quantitate centum et triginta ducatorum per sententiam d. auditoris Johannis de Urbino causa et occasione cujusdam instrumenti obligationis factae per eumdem d. Hieronymum et Marcum Antonium de Crescentiis et Marium de Mentebonis et quemlibet eorum in solidum etc.

Savus de Perellis

Ma lo strumento di taglia più memorabile così per la moltitudine e qualità delle persone che vi furono comprese, come per la causa civile che originò (1), fu quello che venne stipulato nel palagio di Alessandro Cesarino cardinale del titolo di s. Maria in Via Lata. Quivi si ritrassero quasi un dugento persone, patrizi di chiaro sangue, prelati, cittadini, artieri: Giangiorgio Cesarino con v figliuoli suoi fra' quali nomino quel Giuliano che avendo il 1534 in orride guise percosso e straziato Gregorio Magalotti governatore di Roma esulò dagli stati della Chiesa (2), Giannandrea Caffarello giureconsulto il cui padre Antonio avvocato concistoriale una con Andrea Santacrocre fu mandato dal popolo romano in Viter

(1) Questa causa fu agitata nel pontificato di Paolo III. e nel seguente fra molti de' taglieggiati d'una parte, e Ansaldo de'Grimaldi e Simone de' Centurioni mercanti genovesi dall' altra.

(2) Il Saggiatore possiede copia del bando fatto da Clemente VII contro il detto Giuliano Cesariuo.

bo a riverire Pio II. che dal congresso di Mantova si riduceva in Roma (1): Evangelista de' Fabi co' figliuoli suoi, Baldassare degli Olgiati, Ercole Santacroce che a Pompeo Colonna cardinale dovette la ricompera di due captive a lui congiunte co' nodi del sangue: Mario de' Paluzzi, Mattia de’ Leni, e molti di casa Muti, Conti, Capizucchi: e poi Giovanni Illirico priore di s. Giovanni in Taverna nella diocesi di Saragozza, Berengario Serra e Cristoforo Vicentini scrits tori di brevi apostolici, Jacopo Paragio maestro di casa del cardinale Alessandro, possessore di una rendita annuale di 3 m. scudi. Essendo i costoro beni e le persone in balia di alcuni capitani e soldati, il Cesarino e XXXV de' primi in nome comune convennero di pagare a' detti capitani e soldati 35 m. scudi d'oro in prezzo di riscatto: egli il cardinale promise pagarli ed obbligo se stesso, e quei xxxv per rilevare il Cesarino promisero pagargli la detta somma à sua requisizione. Reciterò lo strumento, i nomi de' soldati e le quietanze loro (1).

I. Anno 1527 die X maii. Cum sit quod in depredatione publica almae Urbis facta per exercitum caesareum domus rmi. d. cardinalis de Caesarinis ac persone et bona in eaderte existentia fuerunt per nonnullos ex capitaneis et certos alios milites dicti exercitus captivata et pro redemptione domus et personarum ac bonorum fuerunt per ipsum rmum. d. card. et alios infrascriptos conventum cum dictis capitaneis et armigeris de persolvendo eis summam 55. m. sculorum auri; praefatus rmus d. card. summam hmodi. praefatis capitaneis et armigeris solvere promiserit el se super inde obligaverit. Idcirco infrascripti dni.constituti volentes praefatum car. dinalem indemnem relevare et quemlibet eorum in solidum, promiserunt et contenerunt summam praedictam rmo d. cardinali ad omnem ejus requisitionem solvere hic Romae cum omnibus damnis elc. Pro quibus etc.

[ocr errors]

II. Modula della quietanza. Cognosco ego capitaneus Franciscus Sanchez qui récepi a Simone centutione et societate per manus d. Jo Garziae de Alva 92 scurta pro residuo majoris

( Pii II comm. a Gob. comp. I. IV, p. 205.
(2) Gli originali esistono nell'archivio Altieri.

« IndietroContinua »