Vite dei pittori, scultori, ed architteti moderni, Volume 3

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 212 - ... motu proprio non ad tuam vel alterius pro te nobis super hoc oblate petitionis instantiam sed de nostra mera liberalitate...
Pagina 212 - Teque a quibusvis excommunicationis suspensionis et interdicti aliisque ecclesiasticis sententiis censuris et penis a iure vel ab nomine quavis occasione vel causa latis si quibus quomodolibet innodatus existis ad effectum presentium dumtaxat consequendum harum serie absolventes et absolutum fore censentes.
Pagina 194 - Carlo, non bisogna considerare il disegno come sola quantità geometrica, e materiale contenuta in termini circonscritti da semplici linee , ma come principio formale, e che informa le figure all'esempio della natura. Ciò è manifesto, poichè distrutti i dintorni , si distrugge essa figura , e si annichila tutta la sua forma.
Pagina 66 - Luca ne senti: il perché tutto dalla malinconia sopraffatto, non poté rattenersi dal dire, che avea perduto Napoli un padre amorevole, ed i pittori un grande appoggio, pel gran diletto, che aveva dell'Arte pittorica il mentovato Signore. E di fatto li scelti quadri di lui rimasti, ed una copiosa raccolta di stampe rare e disegni eccellenti ne fan chiara testimonianza. Ma dopo due mesi d...
Pagina 199 - Due altri piccoli di Antonio da Correggio , il Martirio di San Placido , e Cristo morto con le Marie dipinto in Parma. Un altro di Giulio Romano con Sant' Anna , la Vergine e Cristo fanciullo, che abbraccia San Giovanni, ed altri quadri di celebri pittori e maestri , che saria lungo il descriverli ad uno- ad...
Pagina 220 - Pallavicini, nel quale rappresentollo in piedi in abito eroico , ed incontro sé stesso finse a sedere, che il titrae in pittura, avendo appresso le tre Grazie, donzelle bellissime, che pare gli assistano, per infondere nelle opere di lui la venustà e la leggiadria, dono, che con lo studio non può acquistarsi.

Informazioni bibliografiche