Il Piemonte e Torino alla prova del terrorismo

Copertina anteriore
Carlo Marletti
Rubbettino Editore, 2004 - 314 pagine
Le vittime degli 'anni di piombo', non solo i caduti, ma i molti resi invalidi dagli attentati, pubblicamente onorati nel clamore dei fatti, spesso sono stati rapidamente dimenticati e poco meno che abbandonati. La dignità del loro silenzio e il trascorrere del tempo sembrano quasi renderli estranei e fastidiosi, poiché la loro presenza ricorda vicende troppo dolorose e talvolta ancora insondate, misteriose e imbarazzanti, che si vorrebbero dimenticare, quasi estirpare dalla nostra storia. Col tempo la ribalta è più garantita ai carnefici che alle silenziose vittime. I fatti che stiamo oggi vivendo dimostrano, invece, quanto il non dimenticare sia un impegno non solo di civiltà, ma anche di salvaguardia per il futuro.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche