La doppia assenza. Dalle illusioni dell'emigrato alle sofferenze dell'immigrato

Copertina anteriore
Cortina Raffaello, 2002 - 402 pagine
Frutto di vent'anni di ricerche, "La doppia assenza" mette a fuoco il problema urgente e difficile dell'immigrazione e disegna uno scenario conflittuale tra le società ricche e quelle povere. A cavallo tra le une e le altre, il migrante è sempre "fuori luogo", preso nel paradosso di una "doppia assenza". Una è l'assenza dell'immigrato dalla propria patria, l'altra è l'assenza dell'emigrato nelle cosiddette "società d'accoglienza", nelle quali è incorporato ed escluso al tempo stesso.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Testo che trovo "illuminante" per la semplicità e complessità della teoria che esprime, e per la capacità dell'autore di raccontare e descrivere un fenomeno, quello dell'immigrazione, che appartiene all'Uomo ma che questi spesso fatica a comprendere ed accettare.

Informazioni bibliografiche