Lettere del beato Don Giovanni dalle Celle: monaco vallombrosano

Copertina anteriore
Bartolomeo Sorio
Tipografia dei classici sacri, 1845 - 275 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 50 - Imperciocché veggiamo che nulla sollecitudine, nulla cura de' fatti del mondo puote sì scurare la tua mente, che tu non ti ricordi de...
Pagina 181 - ... parenti e delli amici temporali, annegamento della cura del proprio corpo, fuga dalla troppa amistà delle femmine quantunche sieno sante, fuga del signoreggiare e dello onore del chericato, amore di servire a' compagni e di servire alli infermi e spezialmente a' lebbrosi, dilungamento da ogni lite e contenzione, privazione di fidanza, riverenzia e onore de' compagni e di tutti gli uomini e spezialmente de
Pagina 129 - Quanta è la cechità e l' amore che si porta a questo tenebroso mondo ! Vogliamo pure rifare il mondo, e di rifare il cielo non ci curiamo ! Piangiamo perché le nostre ricchezze non hanno reda * mondana, ppssendo fare Iddio reda ei santi suoi, che ce le serberanno in eterno, e ultra. Io credo veramente che '1 tuo figliuolo sia in vita eterna, dappoiché n' andò confesso e pentuto co
Pagina 182 - Scrittura, amore degli afflitti e peregrini, compassione de' tentati, amore di simplicitade, povertà e viltà nell'abito e ne' vestimenti e nelle masserizie e nel cibo e nel beveraggio, il capo chinato, onestà all'andare, continenzia di vedere ed udire delle cose disutili, onestà di tutti i membri nel movimento in ogni luogo e tempo. I costumi e gli esercizi dell'uomo dentro sono questi: guardia del cuore; memoria della morte e del giudicio e delle pene eternali: timore del peccato; memoria della...
Pagina 202 - Padre in Cristo dolce Gesù. Io Catarina, serva e schiava de' servi di Gesù Cristo, scrivo a voi nel prezioso sangue suo; con desiderio di vedervi fondato in vera e perfetta carità,3 acciocché, come pastore buono, poniate la vita per le pecorelle vostre.
Pagina 68 - se' in gran travaglio per la confusione de' popoli; ma » dirizza l'occhio tuo e la mente all'onore di Dio, e > bene del Comune, e alla necessità de...
Pagina 167 - Molto mi diletta di gridare, e dire: O povertà ricca e' gloriosa, le cui ricchezze nascoste sono al cieco mondo ! O donna dell'universo ! Tu sposa di Cristo: tu creata fusti nel Paradiso, quando Adam ed...
Pagina 159 - Seneca, che dispiacere (2) ai rei , e da loro essere biasimato, è una grande loda. E santo Gregorio dice, che lo spregio e le beffe che fanno gli uomini perversi della vita nostra , è approvarla.
Pagina 69 - E perciò usa questo mondo, come se tu non lo usassi: amalo, come se tu non l'amassi: abita in esso, come se tu non l'abitassi. Sospira spesse volte per lo desiderio della città superna , dov'è il tuo tesoro , il tuo Signore , e' tuoi fratelli angeli, santi, e padri tuoi apostoli, e martiri , e confessori ; i quali ci aspettano, e godono , quando si riempiono quelle sedie vote, perché poi (1 ) saranno i corpi loro più belli , che 'l sole.
Pagina 121 - Caterina tua, più eh' a' santi dottori, va un'altra volta a lei, e dimandala per qual modo ella è venuta a tanta perfezione, e troverai chiaramente che per silenzio e orazione; peroccchè ella tenne silenzio otto anni, secondo che si dice, e sempre in camera stava e orava. Fa...

Informazioni bibliografiche