Opere di Pietro Giordani: Scritti editi e postumi di Pietro Giordani, pubblicati da Antonio Gussalli

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Sommario

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 89 - ... ne placeat, curru servus portatur eodem. da nunc et volucrem, sceptro quae surgit eburno, illinc cornicines, hinc praecedentia longi agminis officia et niveos ad frena Quirites, 45 defossa in loculos quos sportula fecit amicos.
Pagina 86 - ... at ille qui me commorit (melius non tangere, clamo), 45 flebit et insignis tota cantabitur urbe.
Pagina 102 - Italia e d'error piena, per punir forse antique colpe rie, in ogni mensa alto giudicio mena! Innocenti fanciulli e madri pie cascan di fame, e veggon ch'una cena di questi mostri rei tutto divora ciò che del viver lor sostegno fóra.
Pagina xiv - Come va il mondo!» dice il nostro Petrarca, e dico ancor io seco. Condotta a fine un'opera piena di fatica e di noia tale, che «sol della memoria mi sgomento», invece di esser ringraziato, mi tocca dimandar perdono ai lettori, che gli antichi, a dirlo per incidenza, chiamavano candidi. Bene; sia in buon'ora. A quelli che mi riprendono di non avere sviscerati i pensieri del Petrarca, domando perdono di non aver fatto mai lo svisceratore; di aver proposto e promesso di fare una interpretazione del...
Pagina viii - Ma di quelli che sopra il mediocre si alzarono al tempo loro, e pur grandi rimasero nella fama de' posteri, non ci contenta il sapere quel che fecero di meglio o più divulgato; desideriamo conoscere quali furono , e per quali modi crebbero oltre l'ordinaria statura. A ciò è necessario avere innanzi agli occhi ordinatamente i loro studi ; neppure...
Pagina 126 - I' animo di voler edificare que' palchetti dove il frastuono di oziose ciance si annida. La modestia e l'attenzione, che ad uno spettacolo quasi di civile scuola si dee, tanto sarà meglio serbata dove ciascuno da tutti puote essere veduto; e dove, quand' anche non fosse I' occhio de' magistrati, il pubblico aspetto impone la verecondia.
Pagina 117 - Ma noli' ordinare le. Terme non abbiamo dovuto seguire in ogni parte I' esempio dell' antichità : giacché non ci era proposto di dare come a spettacolo di erudiziene una rappresentanza del fasto romano; ma di far cosa ai tempi presenti utile, e così ai moderni costumi non ripugnante. Vedrete pertanto in questi bagni tal disposizione di ediflzio quale e la comodità e la convenienza dell...
Pagina 85 - Apula gens seu quod Lucania bellum incuteret violenta. sed hic stilus haud petet ultro quemquam animantem et me veluti custodiet ensis 40 vagina tectus; quem cur destringere coner tutus ab infestis latronibus?
Pagina 108 - Beatrice tutta nell' eterne rote Fissa con gli occhi stava, ed io in lei Le luci fissi, di lassù remote ; Nel suo aspetto tal dentro mi fei, Qual si fe' Glauco nel gustar dell' erba, Che il fe' consorte in mar degli altri Dei. Trasumanar significar per verba Non si poria ; però l' esemplo basti A cui esperienza grazia serba.
Pagina 233 - ... accumulato ogni potere? Dirò pure, salva la riverenza alla tua Maestà, o Divo Napoleone, questa unica delle umane cose io veggo esserti impossibile, non essere eccellentemente buono. Che se alcuni guardando a tanto stupenda e non mai più udita grandezza dell...

Informazioni bibliografiche