Poesie siciliane, Volumi 3-4

Copertina anteriore
Pedone Lauriel, 1859
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Brani popolari

Pagina 281 - E fama antica Che questi or due tra lor disgiunti lochi Erano in prima un solo , che per forza Di tempo, di tempeste e di ruine (Tanto a cangiar queste terrene cose Può de' secoli il corso ) un dismembrato Fu poi da 1
Pagina 391 - Avìa pinsatu ancora stabiliri un augustu e supremu tribunali, chi duveva in valanza trattiniri li regni 'ntra una paci universali; e quannu nun putevasi otteniri d'una liti...
Pagina 391 - Statu; e di la zappa poi l'uri intermenzi voli applicati all'arti e li scienzi. 66 Ntra lu ripartimentu di li beni voli l'ineguagghianza, ma discreta, pirchì da troppu e nenti poi ni veni troppu crapula o eccessu di dieta; ddà spossa l'oziu, ccà suduri e peni accùrzanu la vita aspra, inquieta; 'nzumma voli tra poviri e potenti certa proporzioni chiù prudenti.
Pagina 137 - XI. Tutti li muschi la vennu a liccari Quannu di meli la quartara è china; Ma quannu 'un c'è cchiù nenti di sucari, Nudda musca di supra cci camina. Cussi l'amici solinu accustari Quannu la sorti a prosperarti inclina; Ma in vidiriti sdatu, sai chi fannu f Si chiamanu li cani, e si nni vannu.
Pagina 401 - Qualunqui sia lu locu unni ti trovi, (ch'eu ti criu a menz'aria certamenti, pri li fumi e fantastici toi provi) sti mei sinceri avvisi teni a menti: o friddu, o caudu, o sia bon tempu, o chiovi, tu lassa fari, e 'un ti 'mmiscari a nenti, li cosi comu su...

Informazioni bibliografiche