Il Pentamerone del cavalier Giovan Battista Basile: overo, Lo cunto de li cunte, trattenemiento de li peccerille di Gian Alesio Abbattutis..

Copertina anteriore
Presso Giuseppe-Maria Porcelli, 1788 - 348 pagine
0 Recensioni
Google non verifica le recensioni, ma controlla e rimuove i contenuti falsi quando vengono identificati
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 205 - Ynbofonuta, chi sopierchio spepoliata; la spagnola no le piaceva pe lo colore crepato, la napoletana no le deva a I0 'more pe le stanfelle...
Pagina 68 - ... ma che dico anemale de maro e de terra? ogne anemale ama la razza soia, . . . tu schitto haie contra stommaco la figlia!
Pagina 39 - Ammore , che pe avere mutato ajero da lo bruoco de la notte a lo lummo de ssa bellezza , l...
Pagina 152 - mpifo , Tra dubbie , e ira fofpette : No flare fempre male , Comme la gatta de Mefsè Vafile , Che mb chiagne , e tub ride ; No cammenare ftentato , e sbanuto ,' Non parlare a repieneto, e 'nterrutto, No mannare a tutte ore Lo cellevriello a ppafcere ; \ E avere fempre maje Lo core pe mappina, La facce de colata , Caudo lo pietto , e l...
Pagina 78 - Ffate, decennole , che mme manneno quarcofa , e fi te lo fciíorde , non puozze ire ne nnanze , ne arreto : tiene a mmente chello che te dico , arma toja, maneca toja. Jette lo Prencepe fece li fatte fuoje 'nSardegna, accattaje quanto í'avevano cercato le ffigliaftre , e Zezolla le fcie de mente . Ma 'mmarcatofe 'ncoppa a no vafciello, e ífacenno vela , non fu pofíibile maj...
Pagina 60 - ... no lacanaturo, che centola pe miezo le fece fare lo papariello e stennecchiare li piede. Visto Vardiello 'sta mala disgrazia, pensaie de remmediare a lo danno; e fatto de la necessetà vertute, azzò no refreddassero l'ova, sbracatose subeto se sedette 'ncoppa a lo nido: ma datoce de cuorpo, ne fece 'na frittata».
Pagina 262 - ... erano tante fpallere de cetrangole, tante grotte de cedra , tante quatre Лe frinte , e ppiede de frutte , e pergole d* uva eh...
Pagina 307 - Nardiello, quanno le potte scappare da le granfe e [pigliatose] <pigliarese> tutte tre st'anemale, sfrattale da chillo paiese e toccaie a la vota de Lommardia; dove nc'era no gran segnore, chiammato Cenzone, lo quale aveva na figlia uneca, ch'aveva nomme Milla, che pe certa nfermetate l'era venuta tanta malencorna5* che pe lo spazio de sette anne continue non s'era vista ridere ; tanto che desperato lo patre, da po...
Pagina 214 - Sogra nce ne dia tanto pe le ccegne , che fe vea vivo , e fe chiagna muorro , e che trovannofe mpaftorato e da le bellezze de la figlia , e da li percante de la mamma , non fe ne pozza cogliere maje le bertele , ma ftia , anche nne crepa , foggetto a li ftrazie de chella brutt
Pagina 127 - Ciardino, jette rinante a la vecchia renovara, e 'mbrofcenannofe quafe pe tterra , le difle , o muflo de peccionciello mio , o pipatella de le grazie", penta Palomma de lo carro de Venere ^ ftraoío trionfale d

Informazioni bibliografiche