Storia documentata della Scuola medica di Salerno

Copertina anteriore
Nobile, 1857 - 608 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 525 - Quia numquam sciri potest scientia medicinae nisi de logica aliquid praesciatur, 20 statuimus, quod nullus studeat in medicinali scientia, nisi prius studeat ad minus triennio in scientia logicali.
Pagina 150 - Goflredo congregava il sapiente consiglio Vennero i Duci e gli altri anco seguirò., E Boemondo sol qui non convenne, che scaltro ed ambizioso come il Padre pensava solo al terreno dominio. Il che mostra chiaro che se Roberto e Boemondo morirono di veleno, l'uno in Grecia, e l'altro sulle coste della Siria, almeno gli Arcliiairi diSuterno sono purgati dalla taccia di avvelenatori.
Pagina 222 - La pelle della verga edel ghiande nell'uomo, quella intorno la vulva della donna hanno un sentire più squisito. Le donne sono provvedute di due testicoli nella regione lombare, i quali riuniti alla matrice con due prolungamenti particolari vi versano il seme. Se questo incontrasi con quello del maschio prima di raffreddarsi, si uniscono insieme, e formano un mescolamento capace d...
Pagina 54 - Infirmorum cura ante omnia et super omnia adhibenda est, ut sicut revera Christo ita eis serviatur, quia ipse dixit: 'Infirmus fui, et visitastis me', et: 'Quod fecistis 5 uni *de his minimis meis, mihi fecistis.
Pagina 147 - Medici di fama, ove non fossero colò accolli per sostenere una Scuola. Si aggiunga infine che Verdun è più vicino alla Spagna che a Salerno; e che quel Vescovo appartenente ad una famiglia distinta poteva recarsi in Cordova, o in Siviglia, se le Scuole colà stabilite fossero state più celebrate di quella di Salerno. Che se poi questa Città fu preferita perché avea una Scuola Cristiana; in questo* caso si avrà un'altra prova che non sia stata fondala dagli Arabi. Giustamente quindi da questo...
Pagina 405 - Gherardo dice che la scatarri /.za nel suo libro del modo di • medicare, ch'ella è calda e secca nel terzo grado » (pag. 31 ). E poco dopo : « Gherardo dice che la scatapuzza è molto lassativa, e • purga di sopra e di sotto faticosamente e con angoscia ; onde si • dee- prender guardia che non si dia, se non a coloro, che agevol« mente vomitano ; e se non se la materia è digesta, ec.
Pagina 205 - E' vero che molte di queste pratiche si riferivano ad usi volgari di medicina domestica comune a tutti i popoli ; ma quel citare in preferenza le donne, e quelle di Salerno, e la esistenza di medichesse scienziate in quel tempo , svegliano giustamente la idea che le donne, soprattutto di alcune classi, non si facevano medicare che da altre donne. (i...
Pagina 224 - Sono queste le dottrine principali espresse da Costantino; imperocché troppo lungo sarebbe, e forse senza frutto, lo andare minutamente esaminando tutte le sue opere. Egli certamente pretese di aver fatto più della realtà , comunque avuto riguardo al tempo si debba annoverare fra gli scrittori più fecondi. Egli credè di essere stato il primo nel descrivere distintamente le malattie dello stomaco nella sua opera diretta ad...
Pagina 3 - Pilagora non poteva dar mano alle fondamentali riforme dell'umanità senza svegliare sdegni procaci; Socrate non sapeva conservarsi intemerato senza porsi in disaccordo con la credenza; e Piatone non sapeva sublimarsi nella scienza senza spogliare del suo prestigio la fede volgare , e senza volgersi col pensiero ad una cagione che stava al di sopra delle passioni deificate, e di un Giove vendicativo ed impudico. Questa religione così opportuna a carezzare e blandire le passioni era peritura come...
Pagina 550 - I' occidente dal sonno , ed inaugurò quel periodo di operosa attività , che fu germe e principio della scienza moderna.

Informazioni bibliografiche