Storia della Toscana sino al principato: con diversi saggi sulle scienze lettere e arti, Volume 2

Copertina anteriore
Ducci, 1826 - 270 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 362 - Mirate la dottrina che s' asconde Sotto il velame degli versi strani. E già venia su per le torbid' onde Un fracasso d' un suon pien di spavento, Per cui tremavano ambedue le sponde; Non altrimenti fatto che d'un vento Impetuoso per gli avversi ardori, Che fier la selva, e senza alcun...
Pagina 348 - Dell' umana natura posto in bando : Che in la mente m' è fitta, ed or m'accora La cara e buona imagine paterna • - Di voi, quando nel mondo ad ora ad ora M...
Pagina 59 - La meretrice, che mai dall' ospizio Di Cesare non torse gli occhi putti, Morte comune, e delle corti vizio, Infiammò contra me gli animi tutti, E gl'infiammati infiammar sì Augusto. Che i lieti onor tornaro in tristi lutti. L'animo mio, per disdegnoso gusto, Credendo col morir fuggir disdegno, Ingiusto fece me contra me giusto. Per le nuove radici d' esto legno Vi giuro, Che giammai non ruppi fede Al mio signor, che fu d
Pagina 145 - Arno, e sciolse al mio petto la croce, Ch' io fei di me, quando 'l dolor mi vinse : Voltommi per le ripe , e per lo fondo , Poi di sua preda mi coperse , e cinse.
Pagina 345 - Così ha tolto l'uno all'altro Guido La gloria della lingua; e forse è nato Chi l'uno e l'altro caccerà di nido.
Pagina 306 - Qui non si canta al modo delle rane, Qui non si canta al modo del poeta Che finge imaginando cose vane; Ma qui risplende e luce ogni natura Che a chi intende fa la mente lieta. Qui non si sogna per la selva oscura.
Pagina 392 - 1 facci a tempo , e per cagione Che la mia fama ne fosse onorata , Come sarà da zotiche persone . Non ti maravigliar di ciò Lettore Che '1 Libro è fatto come è 1...
Pagina 363 - E perché meno ammiri la parola, Guarda il calor del sol che si fa vino, Giunto all'umor che dalla vite cola.
Pagina 375 - L'antiche mura , che ancor teme , ed ama , E trema il mondo , quando si rimembra Del tempo andato, e indietro si risolve; E i sassi, dove fur chiuse le membra Di ta...
Pagina 231 - Benché il primo guerriero del suo secolo é dubbio se fosse maggiore nelle armi o nel consiglio: benché nutrito e vissuto in mezzo alle rivoluzioni, non sparse quasi mai il sangue, se non quando la necessità ve lo costrinse. Fu uno di quegli uomini grandi, che quantunque ignaro delle lettere, ne conosceva il pregio e faceva conto degli scienziati. Animatore delle arti utili e delle manifatture , premiava generosamente chi ne introduceva delle nuove : restano ancora i monumenti dei numerosi lavori...

Informazioni bibliografiche