Recensioni

Recensioni degli utenti

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Sappiamo, o dovremmo sapere tutti, che l 'infinito corretto in questo caso è redigere, ma viste le circostanze, non sarebbe più opportuno occuparsi invece dei contenuti? E l' interminabile elenco di infiniti sa di ossessivo compulsivo

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Un libro ben trattato anche se con alcuni errori che alcuni hanno fatto notare, per quanto riguarda la grammatica. Il problema che da fastidio a molti è il contenuto. Di certo non è il miglior libro sull'argomento ma, non essendo stati scritti molti libri non di parte, uno dei migliori. Quindi, anche se non perfetto, gli do 5 stelle. Poi se volete credere ancora alle fate, o tenere gli occhi chiusi di fronte a cose che normalmente i media no passano, fate pure, problemi vostri. A 19 euro un libro da leggere e ricordare. 

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Esistono e non credo siano recentissimi:
astrarre, attrarre, contrarre, detrarre, distrarre, estrarre, protrarre, ritrarre, sottrarre, trarre
ce ne sono addirittura che finiscono in orre:
anteporre, apporre, comporre, contrapporre, deporre, disporre, esporre, frapporre, giustapporre, imporre, indisporre, interporre, opporre, porre, posporre, predisporre, preporre, presupporre, proporre, ricomporre, riproporre, scomporre, sottoporre, supporre, trasporre
hanno perfino avuto l'ardire di esistere quelli che terminano in -urre:
addurre, condurre, dedurre, indurre, introdurre, produrre, ricondurre, riprodurre, sedurre, tradurre
però "redarre" è proprio sbagliato
 

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

In che considerazione si può tenere uno che scrive di "redarre"?
Da quando esistono verbi italiani che finiscono in "arre"?
Non era meglio evitare questi esibizionismi post 11 settembre e scrivere in corretto italiano?
Per il resto sono 19 Euro goduti tutti.

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Come nei migliori libri gialli si esamina il luogo del delitto e si raccolgono gli indizi cercando di risalire agli esecutori, poi ai mandanti e infine al movente. Il libro è scritto con un linguaggio semplice e ironico, ed è ben documentato. Un avvertimento: una volta che avrete letto le prime 200 pagine non potrete fare a meno di acquistarlo e ciò vi costerà ben 19 euro. Piccola somma comunque, per poter conoscere la più grande messa in scena della storia: gli americani sono sempre il massimo in tutto!
Lo consiglio soprattutto a quelli che sono scettici sulla Teoria del Complotto.
Anche io anni addietro lo ero. Però c'erano alcuni tasselli del mosaico non mi tornavano: due soprattutto. Il primo era che non c'era una foto dell'aereo che aveva colpito il Pentagono. Questioni di segretezza pensai. Poi scoprii che le foto c'erano ma che non si vedeva nulla. Il secondo tasselo riguardava la faccenda dell'edificio 7: due aerei abbattono tre grattacieli? Il 3 x 2 era davvero inverosimile.
Allora mi documentai su Internet, trovai centinaia di tasselli che non si incastravano nella versione ufficiale e pensai di scrivere un libro sull'argomento.
Oggi leggendo il libro di Quaglia ho scoperto che lui lo ha fatto molto meglio di me.
Buona lettura a tutti, ma se volete dormire tranquilli e continuare a guardare il mondo trasognati non leggetelo; citando il film Matrix vi dico: "L'ignoranza è un bene".
 

Tutte le recensioni - 5
3 stelle - 0
2 stelle - 0
1 stella - 0

Tutte le recensioni - 5
Recensioni editoriali - 0

Tutte le recensioni - 5