Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M. il re di Sardegna, Volume 7

Copertina anteriore
Goffredo Casalis
G. Maspero, 1840
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Guida preziosissima per chiunque abbia la necessità di svolgere una ricerca storica riguardante un qualsiasi centro abitato del Piemonte. Volume VII.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 173 - Fattisi lilialmente scambievoli doni si separano con le più belle testimonianze di atniciv.ia rivolgendosi cbi al paese e chi alle capanne. Paci cosiffatte sogliono essere perpetue, e con tutta la fede se ne osservano i patti. A questi aggiugnesi comunemente la danza , che dicon di sangue, per cui la persona più potente e autorevole della parte degli offensori si obbliga eoa giuramento d'impedire o punire le ingiurie, 'che alcuno di sua parte tentasse o inferisse.
Pagina 670 - Io dico l' uno e l' altro Raimbaldo, Che cantò pur Beatrice in Monferrato ; E il vecchio Pier d' Alvernia con Giraldo; Folchetto, che a Marsiglia il nome ha dato, Ed a Genova tolto , ed ali...
Pagina 173 - A questi aggiugnesi la fidanza, che dicono di sangue , per cui la persona più potente ed autorevole della parte degli offensori si obbliga con giuramento d'impedire e punire le ingiurie, che alcuno di sua parte tentasse o inferisse. Se egli noi faccia, concede che gli offesi si vendichino sopra lui. La lotta co piedi ; Su giogu de pee — Welle provincie meridionali i giovani più robuslidanno talvolta lospetIaculo di questa lotta.
Pagina 142 - Studiosamente occupate in questo canticchiano, stando fra esse uno o due suonatori e un compositore di canzoni. In questo concorrono i giovanetti innamorati con musicali istromenti e bei mazzetti, e fannosi avanti uno dopo l'altro ad offerire il fiore alle fanciulle amate, accompagnando l'offerta con una o più strofe, o con una continuazione arbitraria di versi. La bella che riceve il fiore deve rispondere con altra strofa e cantar, come esse dicono, il fiore, o raccomandar le sue veci ad una compagna....
Pagina 172 - Essi che in sul principio posti incontro ai nemici li riguardavano con un feroce orgoglio, or impallidiscono, ea lento passo, e quasi vergognosi di se stessi, vanno al principal offeso. Vedesi questo nella maggior vivezza della passione, nell'aspetto di colui che se gli appressa asperso del sangue d'una persona carissima quasi vacillare nel proposto, odesi un cupo gemito.
Pagina 172 - ... e chiama gli offensori al dovere cristiano. Grande è lo spettacolo delle passioni, quando le due fazioni avvicinatesi al sacerdote si vedono da presso. Gli occhi scintillano, si scolorano le facce , suonano fremiti d'ira, strida di dolore da uomini , da donne, da fanciulli, da vecchi che vedonsi incontro gli uccisori de'fìgli, de' padri, degli sposi ; ma presto alle parole evangeliche si suscitano negli animi sentimenti migliori, e appare la pugna de
Pagina 645 - Milanesi si assegnarono le rendile di alcuni benefizi , sicché per disposizione de' romani pontefici spettarono al metropolita milanese nella città e diocesi di Genova il palazzo con la cappella di Sani...
Pagina 630 - Genova, erasi ricondotto all'antica sua sede, ed esercitava i! diritto metropolitico , che secondo la gerarchla dell' occidente gli competeva sopra la Gallia Cisalpina e la Liguria. Or Giovanni non potendo (secondo ch'io penso) far valere in Roma una dignità confortagli dal Patriarca greco negli anni di guerra quasi continua, dignità tollerata, più che approvata dalla S.
Pagina 142 - ... e profumata da eleganti vasi di scelti fiori, ricevon la lana stata già lavata e cominciano il lavoro. Studiosamente occupate in questo canticchiano, stando fra esse uno o due suonatori e un compositore di canzoni. In questo concorrono i giovanetti innamorati...
Pagina 967 - Alla domane un regolare parlamento approvò l'istituzione del doge con autorità principesca, ea vita; ordinò un consiglio di quindici uomini tutti popolari, e ghibellini; due podestà forestieri; cioè uno criminale sopra i delitti ordinarii; l'altro della città sopra i delitti di stato.

Informazioni bibliografiche