Vite di uomini illusrti del secolo XV scritte da Vespasiano da Bisticci, Volume 3

Copertina anteriore
Romagnoli-dall'Acqua, 1893

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Sommario

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 186 - Acciaiuoli molto onorato, per la nobiltà della, casa, ch'era notissima al re e a tutta la corte, il simile per la fama della sua virtù. La Maestà del re di Francia in uno dì solenne, presenti tutti i signori della corte e tutti gli ambasciadori , fece cavaliero messer Piero de' Pazzi, con grandissima pompa e onore suo e della patria.
Pagina 9 - ... avessi ancora delle greche ; e per questo fece ogni cosa che poté, che Manuello Grisolora, greco, passassi in Italia; e adoperossi a farne ogni cosa col favore suo, e con pagando buona parte della ispesa, perché egli passassi in Italia, come passò, per la sua diligenzia. Venuto Manuello in Italia, nel modo detto, col favore di messer Palla, mancavano i libri; ché sanza i libri non si poteva fare nulla.
Pagina 78 - Questi sono quegli cittadini che meritano commendazione in una republica, che lasciano le sustanze che sono loro lasciate da' loro passati; e non quegli che lasciano tesori infiniti, e ragunangli per tutte le vie che possono , non avendo rispetto ignuno né allo universale né al particolare. Avendo fatto questo brieve ricordo di Franco Sacchetti, s' é durata poca fatica , sendo la vita sua ei costumi sua di natura che non si può errare.
Pagina 179 - Barletta, n' andò a Napoli dalla Maestà del re, il quale lo persuadeva a osservare i confini. Sollecitato con lettere e mandatari proprii, venne a Roma a papa Pagolo. Chi gli aveva fatto fare il primo errore, gli fece fare il secondo, mostrandogli con potentissime ragioni questa essere la via a tornare a Firenze. Lasciossi tirare alle loro vane parole...
Pagina 83 - ... alle loro isfrenate voluntà; e vorrebbono vedere questa anima a sedere in sur una sedia, e che ella fussi molto bene grassa, acciocché la potessino vedere.
Pagina 48 - ... commise a don Arcangelo, priore allora del detto monistero, che facesse le polizze al banco lui, che sarebbono pagati. Cominciata la libraria, perché la sua volontà era che si facesse con ogni celerità che fusse possibile, e per danari non mancassi, tolsi in poco tempo quarantacinque scrittori, e finii volumi ducento in mesi ventidua; dove si servò mirabile ordine, seguitando la libraria di papa Nicola, d' uno ordine che aveva dato a Cosimo, per uno inventario di sua mano.
Pagina 133 - Agnolo, e la città tutta mutata, gli pareva venuto un altro modo di vivere; cominciò a pensare di pigliar forma alla vita sua, veduto di non potere più giovare alla sua patria, come aveva fatto infino a quello dì; parendogli avere molto bene fatto il debito suo inverso alla sua patria, diterminò di ritrarsi dallo stato e attendere alle lettere e al comporre.
Pagina 175 - E così seguitò di questa ; perché cadendo messer Agnolo in grandissima indegnazione, non si stava molto bene contento. Non passò molto tempo che Cosimo de' Medici morì. Morto Cosimo, la città si divise in dua parti: una parte si volse a messer Luca Pitti, l' altra si volse a Piero di Cosimo de...
Pagina 138 - Firenze ! ché beata e felice si potrebbe chiamare ; e beati e felici coloro, che fussino governati da sì degni cittadini, e amatori delle patrie loro; come si vede per l'opere fatte da Agnolo, in onore e salute della sua patria, avendo più rispetto a quella che alla propria vita, parendogli che così si convenissi fare a ogni buono cittadino, che amassi la patria sua.
Pagina 65 - Firenze, in favore de' sua cittadini ; e da lui ricevette moltissimi beneficii; e spesso andava a visitare Cosimo, perché egli in questo tempo non andava fuori ; e messer Giovanni il dì delle feste, che non leggeva, andava a visitarlo con alcuni de

Informazioni bibliografiche