Immagini della pagina
PDF
ePub

Ancor tra i fiori e l'erba ;
Che la mia vita acerba
Lagrimando trovasse ove acquetarsi.
Ma come può s' appaga

L' alma dubbiosa e vaga.
Ovunque gli occhi volgo,

Trovo un dolce sereno,
Pensando : qui percosse il vago lume.
Qualunque erba o fior colgo,
Credo che nel terreno
Aggia radice, ovella ebbe in costume
Gir fra le piagge e il fiume,
E talor farsi un seggio
Fresco, fiorito e verde.
Così nulla sen perde :
E più certezza averne, fora il peggio.
Spirto beato, quale

Se quando altrui fai tale ?
O poverella mia, come se rozza !

Credo che tel conoschi:
Rimanti in questi boschi.

AI LUOGHI OVE VIDE MADONNA LAURA.

Chiare, fresche e dolci acque,

Ove le belle membra
Pose colei che sola a me par donna;
Gentil ramo, ove piacque
(Con sospir mi rimembra)
A lei di fare al bel fianco colonna;
Erba e fior, che la gonna
Leggiadra ricoverse
Con l' angelico seno;
Aer sacro sereno,
Ov' Amor co’ begli occhi il cor m'aperse :
Date udienza insieme

Alle dolenti mie parole estreme.
S' egli è pur mio destino

(E il Cielo in ciò s' adopra)
Ch’Amor quest' occhi lagrimando chiuda,
Qualche grazia il meschino
Corpo fra voi ricopra ,

E torni l' alma al proprio albergo ignuda.
La morte fia men cruda
Se questa speme porto
A quel dubbioso passo;
Che lo spirito lasso
Non poria mai in più riposato porto
Nè 'n più tranquilla fossa

Fuggir la carne travagliata e l'ossa.
Tempo verrà ancor forse,

Ch' all'usato soggiorno
Torni la fera bella e mansueta:
E là' v 'ella mi scorse
Nel benedetto giorno,
Volga la vista desiosa e lieta,
Cercandomi; ed, o pieta!
Già terra infra le pietre
Vedendo, Amor l' inspiri
In guisa che sospiri
Sì dolcemente che mercè m' impetre,
E faccia forza al Cielo,

Asciugandosi gli occhi col bel velo.
Da' be' rami scendea

(Dolce nella memoria)
Una pioggia di fior sovra 'l suo grembo;
Ed ella si sedea
Umile in tanta gloria ,
Coverta già dell' amoroso nembo.
Qual fior cadea sul lembo,
Qual su le trecce bionde,
Ch' oro forbito e perle
Eran quel dì a vederle;
Qual si posava in terra, e qual su l' onde;
Qual con un vago errore

Girando, parea dir: qui regna Amore.
Quante volte diss' io

Allor pien di spavento:
Costei per fermo nacque in Paradiso!
Così carco d' obblio
Il divin portamento
E'l volto e le parole e 'l dolce riso
M' aveano, e sì diviso
Dall' immagine vera,
Ch' i'dicea sospirando:
Qui come venn 'io, o quando ?
Credendo esser in Ciel, non là dov'era.
Da indi in qua mi piace
Quest' erba sì, ch' altrove non ho pace.

Se tu avessi ornamenti quant' hai voglia,

Potresti arditamente
Uscir del bosco e gir infra la gente.

ALLA VERGINE MARIA.

Vergine bella, che di Sol vestita ,

Coronata di stelle, al sommo Sole
Piacesti sì, che 'n te sua luce ascose;
Amor mi spinge a dir di te parole:
Ma non so 'ncominciar senza tu' aita,
E di colui ch'amando in te si pose.
Invoco lei che ben sempre rispose
Chi la chiamò con fede.
Vergine, s' a mercede
Miseria estrema dell'umane cose
Giammai ti volse, al mio prego t' inchina;
Soccorri alla mia guerra;

Bench' i' sia terra, e tu del ciel regina.
Vergine saggia, e del bel numer una

Delle beate vergini prudenti,
Anzi la prima e con più chiara lampa ;
0 saldo scudo dell' afflitte genti
Contra' colpi di Morte e di Fortuna,
Sotto 'l qual si trionfa, non pur scampa :
O refrigerio al cieco ardor ch' avvampa
Qui fra' mortali sciocchi:
Vergine, que' begli occhi,
Che vider tristi la spietata stampa
Ne dolci membri del tuo caro figlio,
Volgi al mio dubbio stato ,

Che sconsigliato a te vien per consiglio.
Vergine pura, d'ogni parte intera,

Del tuo parto gentil figliuola e madre,
Ch' allumi questa vita e l'altra adorni;
Per te il tuo figlio e quel del sommo Padre,
O fenestra del ciel lucente, altera,
Venne a salvarne in su gli estremi giorni;
E fra tutt' i terreni altri soggiorni
Sola tu fosti eletta,
Vergine benedetta,
Che 'l pianto d'Eva in allegrezza torni.

Fammi, che puoi, della sua grazia degno,
Senza fine o beata ,

Già coronata nel superno regno.
Vergine santa , d'ogni grazia piena ,

Che per vera ed altissima umiltate
Salisti al ciel, onde miei preghi ascolti;
Tu partoristi il fonte di pietate,
E di giustizia il Sol, che rasserena
Il secol pien d'errori oscuri e folti:
Tre dolci e cari nomi ha' in te raccolti,
Madre, figliuola e sposa ;
Vergine gloriosa,
Donna del Re che nostri lacci ha sciolti,
E fatto 'l mondo libero e felice;
Nelle cui sante piaghe,

Prego ch' appaghe il cor, vera beatrice.
Vergine sola al mondo, senza esempio;

Che 'l Ciel di tue bellezze innamorasti;
Cui nè prima fu, simil, nè seconda;
Santi pensieri, atti pietosi e casti
Al vero Dio sacrato e vivo tempio
Fecero in tua virginità feconda.
Per te può la mia vita esser gioconda ,
S' a' tuoi preghi, o Maria ,
Vergine dolce e pia,
Ove 'l fallo abbondò la grazia abbonda.
Con le ginocchia della mente inchine
Prego che sia mia scorta,

E la mia torta via drizzi a buon fine.
Vergine chiara e stabile in eterno,

Di questo tempestoso mare stella,
D' ogni fedel nocchier fidata guida ;
Pon mente in che terribile procella
I'mi ritrovo, sol, senza governo
Ed ho già da vicin l' ultime strida.
Ma pur in te l'anima mia si fida;
Peccatrice, i' nol nego,
Vergine; ma ti prego
Che'l tuo nemico del mio mal non rida:
Ricorditi che fece il peccar nostro
Prender Dio, per scamparne,

Umana carne al tuo virginal chiostro.
Vergine, quante lagrime ho già sparte,

Quante lusinghe e quanti preghi indarno,
Pur per mia pena e per mio grave danno!
Da poi ch' i' nacqui in su la riva d' Arno,
Cercando or questa ed or quell' altra parte,

Non è stata mia vita altro ch' affanno.
Mortal bellezza, atti e parole m' hanno
Tutta ingombrata l'alma.
Vergine sacra ed alma,
Non tardar, ch' i' son forse all' ultim' anno.
I dì miei, più correnti che saetta,
Fra miserie e peccati

Sonsen andati, e sol Morte n' aspetta.
Vergine, tale è terra e posto ha in doglia

Lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne;
E di mille miei mali un non sapea;
E per saperlo, pur quel che n' avvenne
Fora avvenuto; ch' ogni altra sua voglia
Era a me morte ed a lei fama rea.
Or tu, Donna del ciel, tu nostra Dea
(Se dir lice e conviensi),
Vergine d' alti sensi,
Tu vedi il tutto; e quel che non potea
Far altri, è nulla alla tua gran virtute,
Por fine al mio dolore;

Che a te onore ed a me fia salute.
Vergine, in cui ho tutta mia speranza,

Che possi e vogli al gran bisogno aitarme,
Non mi lasciare in su l'estremo passo:
Non guardar me, ma chi degnò crearme;
No 'l mio valor, ma l' alta sua sembianza
Ch' è in me, ti mova a curar d' uom sì basso.
Medusa e l’error mio m’han fatto un sasso
D'umor vano stillante;
Vergine, tu di sante
Lagrime e pie adempi 'l mio cor lasso;
Ch? almen l' ultimo pianto sia devoto,
Senza terrestro limo,

Come fu 'l primo non d’insania voto.
Vergine umana e nemica d'orgoglio,

Del comune principio amor t' induca;
Miserere d'un cor contrito, umile:
Che se poca mortal terra caduca
Amar con sì mirabil fede soglio,
Che devrò far di te, cosa gentile ?
Se dal mio stato assai misero e vile
Per le tue man resurgo,
Vergine, i' sacro e purgo
Al tuo nome e pensieri e ’ngegno e stile,
La lingua e 'l cor, le lagrime e i sospiri.
Scorgimi al miglior guado;
E prendi in grado i cangiati desiri.

« IndietroContinua »