Immagini della pagina
PDF
ePub

Portate, venti, questi dolci versi
Dentro a l'orecchie de la Ninfa mia;
Dite quant' io per lei lagrime versi,
E lei pregate che crudel non sia;
Dite che la mia vita fugge via,
E si consuma come brina al sole.

Udite, selve, mie dolci parole,
Poichè la Ninfa mia udir non vuole.

DITIRAMBO.
Ciascun segua, o Bacco, te,

Bacco, Bacco, oè oè.
Di corimbi, e di verd' edere

Cinto il capo abbiam così,
Per servirti a tuo richiedere
Festeggiando notte e dì.
Ognun beva: Bacco è quì;
E lasciate bere a me.

Ciascun segua ecc.
Io ho vuoto già il mio corno,

Porgi quel cantaro 1 in qua.
Questo monte gira intorno,
0 'l cervello a cerchio va;
Ognun corra in qua o in là;
Come vede fare a me.

Ciascun segua ecc.
Io mi moro già di sonno,

Sono io ebra o sì o no?
Più star dritti i piè non ponno,
Voi siet' ebri, ch' io lo so.
Ognun faccia com' io fo:
Ognun succe come me.

Ciascun segua ecc.
Ognun gridi Bacco, Bacco,

E pur cacci del vin giù.
Poi col sonno farem fiacco,
Bevi tu, e tu, e tu.
Io non posso ballar più.
Ognun gridi oè, oè.

Ciascun segua, o Bacco, te.
Bacco, Bacco, oè oè.

1 cantáro = vaso da bere appresso gli antichi.

SERAFINO DALL'AQUILA.

1446—1500.

BARZELLETTA."
Non mi negar, Signora,

Di porgermi la man
Ch' io vo da te lontan:

Non mi negar, Signora.
Una pietosa vista

Può far ch' al duol resista
Quest' alma affitta, e trista
Che già per te non mora :

Non mi negar, Signora.
E se 'l tuo vago volto

Veder mi sarà tolto,
Non creder sia disciolto
Benchè lontan dimora:

Non mi negar, Signora.
S' io vado in altra parte,

Il cor non si disparte
Si che non discordarte;
Benche lontan dimora :

Non mi negar, Signora.
Ahi cruda dipartita

Ch' a lagrimar m' invita
Sento mancar la vita
Si gran dolor m'accora.
Non mi negar Signora
Di porgermi la man
Ch' io vo da te lontan:
Non mi negar, Signora.

SULLA SPERANZA.

La speranza è sempre yerde ;
Negli affanni mai si stanca;
Si ogni cosa al mondo manca,
La speranza mai si perde.

1 La Barzelletta è una canzonetta piacevole da cantarsi per framezzo nelle commedie giocose o dopo i pranzi, spezie di Rotondello, contenente l' in. tercalare del primo versetto; ma nel fine si intercala tutta la prima strofe.

Può ben tor via la fortuna
Stati, onori, ogni altro bene;
Non può tor con arte alcuna.
Questa idea, che ne mantiene.
Mentre questa ne sostiene,
La fortuna ne rinfranca:
S’ ogni cosa al mondo manca,
La speranza mai si perde.

Allor cantan le Sirene,
Quando il mar ha più tempesta ,
Perchè speran d' aver bene,
Quando il mar turbato resta.
Se fortuna ci molesta
La speranza ci rinfranca:
S’ ogni cosa al mondo manca ,
La speranza mai si perde.

Fa leggiera ogni fatica;
Fa gittar in terra il seme
Per ricoglier poi la spica;
De dì in dì pasce e nutrica
Nostra mente e ci rinfranca:
S’ ogni cosa al mondo manca,
La speranza mai si perde.

Spera l' uom che 'l regno ha perso,
Spera l'uomo incarcerato,
Spera in mar l'uomo sommerso,
Spera il servo incatenato;
Quel che a morte è condannato
Spera sempre e mai si stanca:
S’ ogni cosa al mondo manca,
La speranza mai si perde.

Quando il miser si dispera ,
La speranza parla, e dice:
Sta sù, tienti, vivi e spera ,
Chè sarai ancor felice!
Quando è verde la radice
L'arbor secco si rinfranca:
S’ ogni cosa al mondo manca,
La speranza mai si perde.

Quanti miser disperati
Cercan lor vita finire:
Questa Dea gli ha rinfrancati
Con promesse, e col bel dire:
Quando alfin vuoi pur finire
Il veleno, o il ferro abbranca;
S’ ogni cosa al mondo manca:
La speranza mai si perde. .

Acciò moran volentieri,
La speranza grida forte:
State franchi, state interi,
Con voi vengo fino a morte,
Condurrovvi con mia sorte
A quel ben, che mai non stanca;
Si ogni cosa al mondo manca:
La speranza mai si perde.

SONETTO IN DIALOGO.

Sulla natura d' Amore.

Quando nascesti, Amor ? — Quando la terra

Si rinveste di verde e bel colore. -
Di che fusti creato? - D' un ardore,

Ch' ogni lascivo in sè rinchiude e serra. -
Chi ti produsse a farmi tanta guerra ?

Calda speranza, e gelido tịmore. —
Ove prima abitasti? – In gentil core,

Che sotto al mio valor presto g' atterra. -
Chi fù la tua nutrice? – Giovinezza,

E le sue serve accolte a lei d' intorno:

Leggiadria, vanità, pompa e bellezza.
Di che ti pasci? — D'un guardar adorno. -

Non può contra di te morte, o vecchiezza ? sau 93 Ņo: ch' io rinasco mille volte il giorno.

[ocr errors]
[ocr errors]

ANTOLOGIA.

: 82

ANTONIO TIBALDEO. – GIROLAMO BENIVIENI.

ANTONIO TIBALDEO.

Fiori circa il 1480.

SONETTO.

Spesso il cor mesto, e gli occhi lite fanno:

Il cuor si duole, e dice che il lor lume
Son causa del suo mal, ma per costume

Altrove gli occhi volgerse non sanno.
Il cuor, che crescer sente il grave affanno,

Di lagrime un corrente, e largo fiume
Agli occhi drizza, acciocchè si consume

La visiva virtù, che gli fa danno.
E così il faretrato, e cieco Iddio,

Che mosso ha fra lor lite, per disfarme,

Lieto ride fra se del danno mio.
Or mai io non so più di chi fidarme:

Come sperar salute mai poss' io,
Se i miei contro di me prendono l' arme?

GIROLAMO BENIVIENI.

Fiori circa il 1490.

SONETTO.
Poich' Amor di quell' occhi il lume spento

Vide, onde 'l suo valor prender solea,
Più volte indarno per ferirmi avea

L'arco ripreso, alle mie piaghe intento.
Ma van' era ogni stral debile, e lento,

Che dall'impia sua corda al cor volgea.
Così severo in libertà vivea

Troppo del primo amor sazio, e contento.
Lui disdegnoso (ah chi i suoi colpi crede

Schifar, mal pensa) un più sald' arco scelse

Poiche tempo a ferir più accorto vide.
E d'una viva petra un Lauro scelse;

Poi in mezz' al cor per forza 'l pose: or siede
Fra’ verdi rami, e del mio amor si ride.

« IndietroContinua »