Immagini della pagina
PDF
ePub

non equivoca, ma vi si fa menzione di due interpreti greci (557) e questa menzione vale un testimonio formale, Se non fossero stati oracoli greci in esametri non s'avrebbe creduto potervi supplire con quelli che si trovavano nelle città greche. D'altronde il greco non era per nulla incognito ai Romani: i libri greci trovati con dei libri pontificali nella creduta tomba di Numa, vi furono, se non altro deposti molto antichissimamente. Al quinto secolo, l'ambasciatore di Roma, abbenchè con qualche sbaglio parlò greco ai Tarantini. E se il greco fosse stata una lingua incognita, come si vedrebbe d'un tratto ai tempi d'Annibale dei nobili Romani scrivere in siffatta lingua ed assai tempo prima che non fosse prevalsa la moda dell' educazione greca ? Gl' ordini dati dagl' oracoli mostrano pure la loro origine greca: prescrivono costantemente l'adorazione delle divinità greche, e sotto questo rapporto la loro influenza sarà stata stragrande per torre dalla religione romana i germi Sabini ed Etruschi. Sacrificare secondo il rito greco era sinonimo di fare un sacrificio come imponevano gli oracoli sibillini, ed ogni custode dei libri era in questa qualità sacerdote d' Apollo. Per verità, se i libri del destino per l' ordine dei quali in tempo di guerra si vide più d'una volta seppellir tutto vivo un Greco ed una Greca, un Gallo ed una Galla, fossero stati i libri sibillini, come lo crede Plutarco (558), sarebbe stato impossibile che quelli che correvano con questo nome presso i Romani fossero d' origine greca. Nè io mi ostinerò a negare che in una di quelle terribili occasioni, T. Livio non nomini espressamente i libri fatali e ch' egli non intenda con ciò che i libri sibillini. Egli lo sa di buon diritto veggendo che facevano parte dei libri del destino; cioè che si conservavano coi libri greci sul Campidoglio e sotto la sorveglianza dei Duumviri, al pari delle predizioni etrusche della Ninfa Bigoe e delle predizioni indigene dei Marsi (559) come pur quelle d'Albuna o d'Albunea di Tiburi (54o) e non so che molte altre del medesimo genere. Tutti questi erano libri del destino, e pare che tutte le città greche ne avessero. Diffatti ci si parla di quelli di Veja perchè facevano dipendere la sorte di Roma e di Veja dal corso del lago d'Alba. Se fu quell'Albunea, annoverata fra le sibille, che consigliò d'ingannare il destino rispetto la promessa fatta ai Greci ed ai Galli, della possessione del suolo romano, se fu Albunea che disse di usare come s'era fatto a Brindisi rispetto i deputati d'Arpi (541), lo sbaglio di Plutarco può trovar qualche scusa. Forse nei primi tempi della Grecia tutte le città aveano cotali predizioni sia che venissero da una Sibilla, da un Baci e da altri profeti; e si custodivano nell'Acropoli nella parte più sacra del tempio come usarono i Pisistrati, e dopo loro i popoli Ateniesi. In questo pure si scorge una coincidenza originale fra le istituzioni romane e quelle di Grecia. Coincidenza che fu oscarata quando ognuna delle due nazioni, ma molto più prima la greca cominciò a svolgere con forza le particolarità del carattere nazionale. Niun popolo italico aveva di quei vivi oracoli come quelli dei Greci in cui la divinità si appalesa a quelli che l' interrogano per la bocca d'un inspirato; perciò questi popoli si rimettevano a Delfo. Presso gli Apuli sul Gargano si trova un uso greco che se ne accosta, traendo le rivelazioni dall' addormentarsi nel tempio dopo il sacrificio. Le profezie romane erano chiuse ai particolari; quelli che intercedevano l'aiuto delle potenze superiori andavano a Preneste nel tempio della Fortuna, Dea che presiede alla direzione che danno gli Dei agli accidenti della vita, e che si faceva derivare dalla strada tracciata a ciascuno dal proprio destino e dal proprio essere dal primo suo nascere, destino che prolungava o accelerava la strada trovandosi il destino di ciascun coordinato in possibilità generali e molto più estese della natura, come una possibilità individuale. Le sorti di Preneste erano piccioli bastoni o assicelle di quercia che portavano degli antichi caratteri incisi : si dice che un prenestino obbedendo ad uno spaventevole sogno li trovò nell'intimo d'uno scoglio che ruppe al posto indicato. Queste tavolette o bastoni erano scompigliati da un garzoncello e tratti da colui che consultava l' oracolo (542). Ciò ricorda le bacchette runiche; e così fatte sorti si ritrovano forse in parecchi per non dire in molti luoghi (545). Si parla di quelle di Cere a proposito del prodigio di una considerabile diminuzione di volume ciò che fece, che senza che la mano dell'uomo vi fosse per nulla, si dispiccò un oracolo. Gli oracoli d' Albunea erano scritti sopra somiglianti materie, poichè furono rinvenuti nel letto del fiume. L' espulsione dei re era celebrata ogni anno al 24 febbraio con una festa nominata Regifugio o Fugalia. A ciò si riferisce, l'indicazione di Dionigi (544), il quale asserisce che per terminar l' anno doveano decorrere ancora quattro mesi. Approssimazione calcolata sul calendario attico il primo mese del quale si addatta ora più ora meno a quello di luglio, approssimazione che si trae altresì dall'ipotesi che una tal festa avesse luogo in un giorno storicamente determinato. Nulladimeno i suoi vincoli colle feste Terminali a cui tien dietro immediatamente, ne conduce a pensare che un tal giorno fosse unicamente scelto in conformità a delle idee simboliche.

coMMENTARio splILA TRADIzioNE RELATIVA
ALL' ULTIMO TARQUINIo.

Ho recata la storia dello splendore e della caduta dell' ultimo re senza alcun ornamento, come si sarà trovata scritta in quei semplici annali la di cui aridità pareva movere la coscienza di Cicerone, e mosse quella di Tito Livio ad ornare splendidamente la storia di Roma. Ciò che poteva essere armonico in uno storico indigeno e poetico, sarebbe disaddatto in un'opera scritta 18oo anni più tardi da un critico e da un straniero. Il suo debito è di riconfermare la vecchia tradizione, rannodando delle cose che ci furono tramandate disperse, e che si trascurarono nel racconto classico che divenne dominante; e suo debito è pure di sceverarla dalle dotte arguzie, onde fu travolta dall'erudizione. La vita e i colori che si possono dare a questo racconto stanno specialmente a riporre in qualche chiarezza i tratti dell' antico poema disperso. Se ci fosse rimasto una qualche semplice relazione di Fabio o di Catone, mi sarei contentato a tradurla aggiungendo e connettendo i resti di altre relazioni ; avrei insomma aggiunto un commentario come quello che scrivo al presente di mio proprio testo.

Quanto è certo che Roma possedeva dei libri sibillini senza che si possa dire chi li scrisse, o che si possa dire altra cosa se non che la Sibilla è d'invenzione poetica 5

altrettanto è in dubbio che Tarquinio il tiranno abbia vissuto e che fosse l' ultimo re di Roma. E in pari tempo sopra le forze della critica il voler penetrare più oltre ed ingegnarsi di separare il poema nella storia; la sola cosa possibile si è dimostrare ciò che è. Per verità quando si considera questa storia indipendentemente dalla determinazione degli anni, fatta dai pontefici per Tarquinio Prisco e per Servio, le più notabili impossibilità cronologiche dispaiono in parte. Ma se non è credibile che Bruto sia il figlio della figlia del primo Tarquinio, non per questo resta dall'esser meno un viluppo d'assurdità ciò che d'altronde si racconta di lui. Uno spazio di regno più lungo dei 25 anni che gli sono assegnati non si saprebbe riclamare pel secondo Tarquinio, nè dai difensori del carattere storico di questa narrazione, nè da una critica non preoceupata. Ma come si può dunque conciliare che Bruto sia un fanciullo nel principio di questo regno, mentre in sul fine è padre di giovani che cospirano cogli esigliati ? Il detto di Dionigi ch' erano appena usciti dall' infanzia non è che una alterazione di mala fede e senza risultato. D'altronde come avrebbe potuto colui che era tenuto per imbecille essere il rappresentante del re obbligato a degli uffici sacerdotali, e godere del diritto di convoeare i cittadini ? Uno che fosse stato investito d'una simile dignità, è egli possibile che non fosse stato padrone della propria fortuna l In opposizione ai due storici che risguardano la sommissione del Lazio come l' opera della persuasione, Cicerone dice che fu soggiogato dalle armi (545). Per una discrepanza non men grande non nomina fra gli Etruschi

che i soli Veienti che abbiano voluto ricondurre l' Esule

« IndietroContinua »