Scritti di storia, di filologia e d'arte

Copertina anteriore
R. Ricciardi, 1908 - 380 pagine

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 15 - Obeunte vero te nunc eiusdem loci abbate uel tuorum quolibet successorum, nullus ibi qualibet subreptionis astutia seu uiolentia preponatur, nisi quem fratres communi consensu vel fratrum pars consilij sanioris secundum dei timorem et beati Benedicti regulam prouiderint eligendum.
Pagina 63 - Io dico una cosa che vi parrà pazza: metterò un disegno innanzi che vi parrà o temerario o ridicolo ; nondimeno questi tempi richieggono deliberazioni audaci, inusitate e strane.
Pagina 19 - ... iniquitate cognoscat et a sacratissimo corpore et sanguine Dei et domini redemptoris nostri Jesu Christi aliena fiat atque in extremo examine districte...
Pagina 250 - Por iço fist il ceste image Que dire li volt son corage, Son bon penser, sa fole error, Sa paigne, sa joie d'amor, Car ne sot vers cui descovrir 990 Ne son voler, ne son desir.
Pagina 192 - La natura non si rassomiglia mai a sé stessa: è l'uomo che per conservare le sue osservazioni, forma le classi ed i nomi, e siccome le sue misure non si estendono quanto la natura, tenta di ridurre la natura alle misure sue. Egli si forma così una metafisica chimerica, che crede esser la legge della natura. Egli trascura di osservarla, e la natura ad ogni momento confonde i suoi calcoli. Subito che l'uomo ha...
Pagina 153 - Marcellus quoque apud lulianum notat iter petendum vel viam vindicandam. sed de refectione viae et interdicto uti possumus, quod de itinere actuque reficiendo competit: non tamen si silice quis sternere velit, nisi nominatim id convenit.
Pagina 152 - Sicut fructuario in rem confessoriam [confessoria dett.] agenti fructus praestandi sunt, ita et proprietatis domino, si negatoria actione utatur: sed in omnibus ita demum, si non sit possessor qui agat (nam et possessori competunt): quod si possident, nihil fructuum nomine consequentur.
Pagina 63 - Pochi dì fa, si diceva per Firenze che il signor Giovanni de' Medici rizzava una bandiera di ventura per far guerra dove gli venisse meglio. Questa voce mi destò l'animo a pensare che il popolo dicesse quello che si doverebbe fare.
Pagina 164 - Si priusquam aédificatum esset, ageretur, ius vicino non esse aèdes altius tollere, пес res ab eo defenderetur , partes iudicis non alias futuras fuisse ait, quam ut eum, cum quo ageretur, cavere iuberet, non prius se aedificaturum, quam ultro egisset, ius sibi esse altius tollere. Idemque e contrario, si, cum quis agere vellet, ius sibi esse invito adversario altius tollere , eo non defendente similiter , inquit, officio iudicis continebitur , ut cavere adversarium iuberet, nee opus novum se...
Pagina 15 - Deo ad idem monasterium iuste atque canonice offerri acquiriue contigerit, firma uobis uestrisque successoribus et illibata permaneant. Decernimus ergo, ut nulli omnino hominum liceat...

Informazioni bibliografiche