Esempi di bello scrivere in prosa

Copertina anteriore
Tip. Giusti, 1850 - 397 pagine

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 177 - ... era alla sua maturità convenevole. Il suo volto fu lungo e '1 naso aquilino, e gli occhi anzi grossi che piccioli, le mascelle grandi, e dal labbro di sotto era quel di sopra avanzato; e il colore era bruno, ei capelli e la barba spessi, neri e crespi, e sempre nella faccia malinconico e pensoso.
Pagina 177 - ... pensoso. Per la qual cosa avvenne un giorno in Verona (essendo già divulgata per tutto la fama delle sue opere, e massimamente quella parte della sua...
Pagina 203 - Non è più tempo ch'io parli de la mia ostinata fortuna, per non dire de l'ingratitudine del mondo, la quale ha pur voluto aver la vittoria di condurmi a la sepoltura mendico; quando io pensava che quella gloria che, mal grado di chi non vuole, avrà questo secolo da i miei scritti, non fusse per lasciarmi in alcun modo senza guidardone. Mi sono fatto condurre in questo munistero di Sant'Onofrio; non solo perché l'aria è lodata da...
Pagina 27 - Potrebbe esser che la pietà degli affanni, ne' quali io mi ritrovo, ti avesse mosso a venire alla volta mia; ma tu non mi hai aria di...
Pagina 55 - E me, disse l'acqua, se voi non mi vedete più, non mi cercate colà dove vedrete seccura. o spaccature di terra ; ma dove vedrete salci, alni, cannucce o erba molto alta e verde, andate costà in traccia di me, e quivi sarò io. Quanto...
Pagina 51 - , rispose la luccioletta, « tutto quello che tu credi di fare a benefizio altrui, lo fai per te medesima; la quale da tanti benefizi che...
Pagina 176 - Etojuenfto, ove promette fare quattro libri, ma non se ne trova se non due, forse per la affrettata sua fine, ove con forte e adorno latino e belle ragioni riprova tutti i volgari d'Italia.
Pagina 175 - Bene si dilettò in quella Commedia di garrire e sclamare a guisa di poeta, forse in parte più che non si convenia, ma forse il suo esilio gliel fece fare.
Pagina 203 - Sant'Onofrio, non solo perché l' aria è lodata da' medici, più che d' alcun' altra parte di Roma, ma quasi per cominciare da questo luogo eminente, e colla conversazione di questi divoti Padri, la mia conversazione in Cielo. Pregate Iddio per me : e siate sicuro, che siccome vi ho amato, ed onorato sempre nella presente vita, così farò per voi nell...
Pagina 223 - Oh tu mi di' bene una novità ! Io non me ne sono mai avveduta. Ma così va. Io credeva di far lume agli altri, e non ci vedrò per me. C. Acciocché un' altra volta tu te ne possa accorgere, e che tu sappia quando esso scrive di sua testa e quando io gli do aiuto, voglio solamente che tu gli esamini bene il viso e gli atti. Se tu lo vedi, per esempio, ch...

Informazioni bibliografiche