Misteri del chiostro napoletano: memorie di Enrichetta Caracciolo de principi di Forino, ex-monaca benedettina

Copertina anteriore
G. Barbera, 1864 - 339 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 230 - La notte, ch' i' passai con tanta pietà. E come quei, che con lena affannata Uscito fuor del pelago alla riva, Si volge all' aqua perigliosa, e guata; Cosi l' animo mio, che ancor fuggiva, Si volse indietro a rimirar lo passo, Che non lasciò giammai persona viva.
Pagina 146 - Se alcuno viene a me, e non odia suo padre, e sua, madre, e la moglie, ei figliuoli, ei fratelli, e le sorelle; anzi ancora la sua propria vita, non può esser mio discepolo.
Pagina 316 - Un altro sospende un uomo a duo anelli con le braccia ad un muro, con i piedi al muro di contro : ciò fatto, salta su quell'infelice, e ne disloca le membra. Vi sono le manette che frangono le dita della mano: v'ha il cerchio di ferro che, stretto da una vite, si pone sul capo , e serve a far schizzare gli occhi dalla fronte.
Pagina 322 - L'Italia, la grande morta, si è ridesta : guardatela, essa si alza e sorride at genere umano. Essa dice alla Grecia : « Io sono tua figlia »; essa dice alla Francia : « Io sono la tua madre ! » Essa ha intorno a sè i suoi poeti, i suoi oratori , i suoi artisti, i suoi filosofi, tutti quei consiglieri dell...
Pagina 27 - Una macchina enorme é condotta per la città. Sopra la stessa sono messi in movimento rotatorio parecchi pezzi, simboleggianti i corpi celesti, come il sole, la luna, i pianeti, ec. Vi sono pur fatti rotare de' cerchi, che grandi alla base, vanno impicciolendosi alla sommità.
Pagina 55 - Ornano le cappelle molti lavori a commettitura di marmi scelti esvariati,edhan tutte unbalaustro di marmi parimente commessi in forma di fogliami a traforo, e sopra, altri lavori di bronzo a getto, con in mezzo un cancellino composto dello stesso lavoro e metallo. Delle pitture, i tre quadri su la porta, ne'quali è rappresentato l'arrivo in Napoli e l'accoglimento qui avuto dalle monache greche; come del pari quelle collocate tra'finestroni, che son de'fatti della vita di s.
Pagina 165 - Non solo é matta, ma la é pure furiosa. Chiamate tosto il flebotomo. ' Otto robuste converse furono appena bastanti a contenere i suoi furori nel momento che fu operato il salasso al piede ; non cadde dentro la catinella una sola goccia del sangue : spruzzò tutto sulle converse, sul salassatore, ed in gran copia al suolo. Il medico ordinò che molti bagni colla neve sul capo le fossero amministrati, e promise che nella giornata stessa avrebbe mandata una donna del mestiere per...
Pagina 169 - Era caduta a piombo sopra uno dei pilastri che reggevano la vòlta, così la polpa della gamba ne fu orribilmente straziata. — Appena poté articolare qualche parola, due facchini con manovelle passate sotto la sedia la portarono nella sua stanza. Il prete la seguì, ma dovette presto lasciare la camera, poiché la sventurata con un segno indicò che non lo voleva vicino a sé. Il luogo dove Concetta erasi gettata, era presso la chiesa. Le monache, dopo la Messa, uscendo dal comunichino, presero...
Pagina 57 - Aragona cinse il capo del suo figliuolo Ferrante d'un cerchio d' oro, e posegli nella man destra una spada ornata di gemme, confermandolo in tal guisa Duca di Calabria e suo successore nel regno, siccome un giorno avanti era stato acclamato dal generai parlamento nella sala del Capitolo in San Lorenzo. Una tal solenne cerimonia fu compiuta con regal pompa, in presenza de...

Informazioni bibliografiche