Istoria del concilio di Trento: con aggiunte inedite e note tratte da varii Autori, Volume 6

Copertina anteriore
Tip. dei classici sacri, 1846
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice


Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 63 - Orsino di restituir Parma ad Ottavio. Il che però egli eseguir non volle, contrapponendo, che a rivocare la deliberata volontà di un pontefice sano di corpo e di mente non valeva la tumultuaria dello stesso moribondo, e per avventura senza perfetto discorso. Intanto sopraggiunta al papa una febbricina, poiché furono estinte in lui tutte le forze dal morbo e dali' angustia dell' animo, si morì il terzo giorno a...
Pagina 64 - ... co' più solenni uomini dell'età sua; impiegate valorosamente l'armi più volte contra i nemici di Cristo, senza tingerle mai di sangue cattolico; e cominciato e proseguito a gran segno un Concilio, il più arduo per gli ostacoli, il più ampio nelle materie, il più efficace alla disciplina che sia stato mai fra' cristiani. Con l'affetto soperchio verso la prosapia mostrossi uomo; per tutto il resto meritò nella Chiesa il nome d'eroe. Nel tempo della sedia vacante, il collegio raffermò all'Orsino...
Pagina 260 - Studiavano per contrario gli oratori d'onestar la loro domanda, la qual per altro appariva oltre modo inragionevole come quella che non si conteneva in disfidare a battaglia, ma voleva la cessione prima del combattimento.
Pagina 81 - Plgbino. della sedia pontificale; la cui protezione si confidava il papa che sua maestà tenesse a cuore non meno che della sua imperiale : e che vi erano alcune considerazioni, le quali a suo tempo avrebbe significate a sua maestà, non per frapporre impedimento, ma perché gl' impedimenti si rimovessero con la buona comunicazione, ed unione de' voleri e de' consigli tra se , e l
Pagina 81 - Dalla qual risposta conghietturarono alcuni , che '1 papa divisasse di patteggiar con Cesare intorno al concilio: il che risaputo da Giulio, fe poi dire a Carlo che (1 ) tali uomini non intendevano che cosa fosse concilio , e quale in esso l'autorità del pontefice. Dopo questi privati sermoni fra '1 papa , ei parziali dell'imperadore in Roma, vennero...
Pagina 120 - Turchi, co' quali, o per conchiudere o per atterrire, i Francesi trattavan lega. E non meno potersi temere qualche gran tracollo al processo del concilio, al quale vedovasi necessaria la pace. L...
Pagina 248 - Sinodo intimava, che nel giorno destinato dei 25 gennaio del 1552 , oltre alle materie prescritte, si tratterebbe ancora sopra il Sacramento dell'Ordine, e continuerebbesi la riformazione. Arrivarono intanto a Trento gli Ambasciatori di Vittemberga e di Snssonia.
Pagina 141 - egli sarebbe in aiuto di lui e di Parma « non solo con le forze, ma eziandio bisognando con la « persona 2 ») quali motivi poteano mai indurrò il Papa a voler piuttosto che Parma fosso dominata da Cesare , che dai Farnesi?
Pagina 48 - Pacecco vescovo di Giaen, Pietro Tagliavia arcivescovo di Palermo, Francesco Navarro vescovo di Badaioz, e Giambernardo Diaz vescovo di Calaorra...
Pagina 218 - Il ritoj e'I costume dell'estrema unzione non osservarsi dalla Chiesa romana secondo la mente di s. Giacomo apostolo : e perciò doversi mutare je potersi spregiar da

Informazioni bibliografiche