Immagini della pagina
PDF
ePub

CAPITOLI

D I

M. BOSONE DA GUBBIO

EDI

àia

SULLA

DIVINA COMMEDIA

DI

DANTE ALIGHIERI

Coi. Credo Di Questo Poeta, E Un Altro
D'incerto Autore.

E Con Alcune Notizie Biografiche Su Rosone ,
Con Varianti E Annotazioni.

[graphic][merged small]
[ocr errors]

La serenità de' bei giorni, e la dolcezza della temperatura dell'aere nel mese di ottobre dello scorso anno insurger fece nell' animo mio, e in' quello di alcuni miei degnissimi congiunti, coi quali soglio menar miei giorni , il desiderio di' deliziarne per alquanti dì nella campagna, ónde quivi godere, in luogo più aperto, della amenità di quella stagione. Posciachè dunque si pose mente a'tanti siti delle nostre bellissime contrade, chi fra noi per uno parteggiando, chi per un altro, fu alla fin fine prescelta, ogni altro lasciando, l'antica abbadia di Montecasino , sì nobile, e famigerata nelle istorie del medio evo. Imperciocché prevalse la scelta, la quale doppio vantaggio offeriva nella nostra gita; il primo quello della uscita già discorsa; il secondo, che assai utile e dilettamento ritrar ne potrebbe lo spirito, allorché ivi andato si fosse coll'occhio di osservatore, per quanto ad ognuno di noi era concesso.

Nel dì otto adunque di quel mese ne avviammo per quella volta, e verso il tramonto del sole del dì seguente glugnemmo In quel magnifico cenobio. E, sia detto a riconoscenza verso que'buoni PP., noi fummo ricevuti con quella tale generosa ospitalità e larghezza di cuore, eh' è tutta propria di essi loro.

Nella seguente giornata, poiché furono ristorate le nostre forze e col cibo e col riposo, che ne resero soavi le dolci ombre di una notte tranquilla , al pari col sole ne uscimmo ad osservare quel grandioso edilìzio; e ne fu scorta nella piacevolissima andata il P. B. Raffaele de Pasca, giovane -religioso , quanto di nobil prosapia , altrettanto erudito, e di dolci costumi. Con guida sì amabile passammo ad osservare primieramente il ricco tempio, d' inesprimibile e squisito gusto architettonico. A descrivere il quale non si presta la debolezza della mia penna; e solo dir posso che fui compreso da tale ammirazione che mente non mi soccorre a manifestarla. E in vero sarebbe impossibile l'immaginare a colui, che dalle storie non conosca la grandezza de' PP. Benedettini , come si abbia potuto su di erma ed alta vetta di aspro monte tanta magnificenza e sopraffino gusto insieme riunire.

Senza essere stanco di osservare , pieno di stupore e di meraviglia mi partii da quel luogo, e eendotto venni nella biblioteca. La quale io trovai corrispondere alla magnificenza del tempio: e pari in cortesia rinvenni quivi il bihliotecario il P. D. .. Gattola, il quale , con ogni affabilità accogliendomi T di tutto mi'die pieno ragguaglio , mostrandomi le migliori e più rare edizioni, che si contengono in que' scaffali, tra le quali la celebre edizione del del Rationale divinorum afficiorum di Guglielmo Durante r e di altre antiche e rarissime- opere..

Dalla biblioteca passai in. fine nel grande archivio , depositario di. Mss. rarissimi; qual cosa senza fallo forma il maggiore e più splendido ornamento del nastro segno.. Ivi con eguale cortesia fui ricevuto dall' archivario il Cb. P. D» Ottavio de Fraja Frangipane; uomo di elevalo ingegno e nella, diplomatica peritissimo; il quale mostrommi varii di que' codici preziosi. Ma siccome anticipatamente io ben conosceva , che ivi esister dovesse un Mss. della Divina Commedia di Dante, quasi coevo di q»el poeta fiorentino, così piegai quel buon P. Archivario , ehe di buon gcado me- lo mostrasse , perciocché io nutriva gran desiderio di osservarlo. Difatti, esaminandolo, ne ammirai 1 caratteri, e lalun'altra cosa io vi notai, lui egli, il Sig. Archivario , mi fece avvertire

« IndietroContinua »